27 novembre Se Dio Vuole precede Sciarelli. Bene la Champions, Chiambretti e Mentana

Somigliava molto poco a quella di sette giorni prima la griglia generalista del 27 novembre ed era più che prevedibile la forte frammentazione degli ascolti che si è andata a verificare. In prime time, dice Auditel, a Rai1 è bastata una commedia al terzo passaggio free per battere la concorrenza in una serata in cui è andata forte la Champions League sulle pay, grazie alle belle partite esterne di Inter e Napoli.

In seconda serata, invece, la sfida tra l’accoppiata Bruno Vespa + Luigi Di Maio su Rai1 e quella Maurizio Costanzo + Matteo Salvini su Canale 5 è stata in parte oscurata dai riflessi filmati della Champions trasmessi in differita su Italia 1 in seconda serata. Ma torniamo al bilancio meter del prime time.

Sulla prima rete pubblica il film ‘Se Dio vuole’, con Marco Giallini e Alessandro Gassmann, ha avuto 3,063 milioni di spettatori e 15,9% di share.

In seconda posizione è arrivata Federica Sciarelli, che ha viaggiato quasi ai migliori livelli di questa stagione. Sulla terza rete ‘Chi l’ha visto?’ ha conquistato 2,268 milioni di spettatori e 10,6%.

Non troppo lontana è arrivata Italia1. ‘La Mummia’, con Tom Cruise protagonista, ha conquistato 1,9 milioni di spettatori e l’8,%.

Lo stesso numero di spettatori li ha portati a casa Sky con i match della massima competizione per club. Gli incontri delle 21.00, con Slavia-Inter e Liverpool-Napoli nel menù 8 (con la vittoria nerazzurra a Praga e il pareggio azzurro ad Anfield), hanno complessivamente conseguito 1,919 milioni di spettatori ed il 7,6% di share.

 

Sull’ammiraglia del Biscione la nuova puntata di ‘Oltre la soglia’, con Gabriella Pession, Giorgio Marchesi e Paolo Briguglia nel cast ieri si è fermata a 1,810 milioni di spettatori con l’8,9%.

 

Male è andata ancora una volta la produzione di Rai2. ‘Volevo fare la rockstar’, con Valentina Bellè e Giuseppe Battiston ha totalizzato solo 1,3 milioni di spettatori e il 5,6% nella media dei due episodi trasmessi.

Più o meno sulla stessa linea della fiction e nella prima parte davanti, ha corso Piero Chiambretti. Su Rete 4 ‘#CR4 La Repubblica delle donne, con Cristiano Malgioglio, Drusilla Foer, Iva Zanicchi, Francesca Barra, Lory Del Santo, Massimo Lopez, Antonella Elia, Vittorio Feltri, Katia Follesa, Rosalia Porcaro, Ellen e Alice Kessler, Pippo Baudo, Alfonso Signorini tra le presenze della prima puntata, ha avuto 1,1 milioni di spettatori e il 5,8% di share.

Si è difeso bene ‘Bersaglio Mobile-Le tenebre di Bibbiano’ su La7 (870mila e 3,5%) con Enrico Mentana a introdurre l’inchiesta. In access Lilli Gruber ha preceduto ancora una volta le concorrenti di genere nella fascia.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Andrea Scanzi, Alessandro Sallusti, Luigi Marattin tra gli ospiti, ha avuto 1,767 milioni di spettatori e il 6,74%.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’ con Elsa Fornero, Pietrangelo Buttafuoco, Maria Stella Gelmini, Marino Bartoletti, Lucia Borgonzoni tra gli ospiti, ha totalizzato 1,278 milioni di spettatori e il 5,04% di share e poi con la seconda parte 1,130 milioni ed il 4,27%.

‘Tg2Post’ con Manuela Moreno alla conduzione e tra gli ospiti Maurizio Caprara, Shirin Ebadi, ha raccolto solo 834mila spettatori e il 3,15%.

In seconda serata anche la grande partita ‘politica’ tra le ammiraglie è stata in parte oscurata dal calcio continentale: su Rai1 Bruno Vespa ospitava Luigi Di Maio, mentre su Canale 5 Maurizio Costanzo aveva al suo cospetto, tra gli altri, Matteo Salvini, ma con Italia 1 che offriva il post gara della competizione per club.

‘Porta a porta’ ha avuto 1,329 milioni di spettatori e l’8,79% nella prima parte e poi 839mila e il 9,89% dalle 23.53 alle 25.05.

Il ‘Maurizio Costanzo Show’ ha totalizzato 656mila e 10,95% tra le 24.10 e le 25.53 dopo l’apertura a 878mila e 8,46%. Ha vinto la sfida, in pratica, ‘Pressing Champions League’, a 1,015 milioni e il 10,03% tra le 23.27 e le 25.04, con Vespa in vantaggio su Costanzo fino alle 24.35, e poi in vetta il salotto di Canale 5 fino all’una di notte.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%