Rai, Fico: nomine siano decise solo da Cda e ad. Il canone? Non lo toccherei

“Bisogna fare prima di tutto una valutazione fondamentale: le nomine Rai le deve decidere il Consiglio di amministrazione della Rai e l’amministratore delegato della Rai e nessun’altro”. Così, a Matera, il Presidente della Camera, Roberto Fico.

Fico è intervenuto anche sul tema del canone. “Io in questo momento non lo toccherei: già si è ridotto, costa molto poco rispetto al passato e soprattutto è un finanziamento diretto proprio dei cittadini affinché la loro televisione pubblica sia libera, indipendente e meritocratica”.

Roberto Fico, presidente della Camera dei Deputati (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

“Ha senso – ha aggiunto – pagare il canone fino a quando noi abbiamo una Rai libera, indipendente e meritocratica e la politica deve aiutare nella costruzione di questa libertà”. Fico ha inoltre sottolineato che “se qualcuno chiede alla politica anche un suggerimento o la politica vuole suggerire le nomine al Consiglio di amministrazione della Rai, ciò che, secondo me, devono dire anche i principali leader politici italiani è: ‘Il Consiglio di amministrazione è indipendente e le nomine le decidono loro. Quello che verrà deciso andrà bene per tutti e poi si giudicherà alla fine del mandato del Consiglio’. E’ – ha chiosato il Presidente della Camera – l’unico modo che conosco per fare bene alla Rai e per gestirla: è proprio il mio lavoro di cinque anni di Commissione di vigilanza”.

Per la Rai, servono, “indipendenza, meritocrazia e l’urgenza di una nuova legge che non sia come questa perché dobbiamo far sì che il Consiglio di amministrazione (soprattutto l’ad e il presidente) non sia scelto in questo modo, dal Governo: non è un iter che trovo sensato per l’indipendenza della Rai”, ha rimarcato poi Fico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%