Lega Serie A: fumata nera per l’elezione del nuovo presidente. Mario Cicala commissario ad acta

Fumata nera in Lega Serie A per l’elezione del nuovo presidente. Da domani, quindi, entrerà in carica il commissario ad acta Mario Cicala che avrà il compito di individuare il profilo migliore per il successore di Gaetano Miccichè, e se lo riterrà opportuno modificare lo statuto.

Due le votazioni di oggi: entrambe non hanno raggiunto il quorum di quattordici voti. Al primo tentativo erano undici le schede nulle, al secondo invece tredici. L’assemblea è durata poco più di un’ora.

È andato a vuoto il tentativo di alcuni club di rieleggere Miccichè. Nel corso della prima votazione, infatti, l’ex presidente ha ricevuto un voto a favore, e successivamente cinque nella seconda votazione.
Nella prima, oltre a undici schede nulle e quattro bianche, ha ricevuto due voti Paolo Dal Pino (manager nel settore telco), mentre un voto a testa è andato a Joe Barone (dg della Fiorentina), a Roberto Maroni (ex presidente della Regione Lombardia). Nella seconda votazione, invece, sono state tredici le schede nulle e due le schede bianche.

Mario Cicala (foto ANSA/ANGELO CARCONI)

Questa mattina, a margine del convegno ‘L’importante è pareggiare’ la stesso Miccichè, dimessosi dalla presidenza lo scorso 19 novembre, aveva chiuso all’ipotesi di un suo secondo incarico alla guida della Serie A. “Nessuno mi ha chiamato, non è una ipotesi attuale”, ha spiegato, auspicando che la struttura “ritrovi una governance normale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Instagram rimuove la funzione ‘Recenti’ per contrastare le fake news

Usa 2020, Instagram rimuove la funzione ‘Recenti’ per contrastare le fake news

Tgr Liguria si trasferisce nei teatri per sottolinearne la grave situazione. Si inizia con l’Ariston di Sanremo

Tgr Liguria si trasferisce nei teatri per sottolinearne la grave situazione. Si inizia con l’Ariston di Sanremo

La nuova regola della Bbc ai dipendenti: no a opinioni personali o politiche sui social network

La nuova regola della Bbc ai dipendenti: no a opinioni personali o politiche sui social network