Nomine Agcom e Privacy, Camera e senato votano il 19 dicembre. Ecco i candidati in pole

L’accordo tra i partiti era in alto mare e tutti ormai pensavano che si sarebbe andato ad un nuovo rinvio dopo quello deciso con decreto legge a settembre che ha allineava al 31 dicembre la deadline per le nomine dei commissari di Agcom e di Privacy. Il collegio del Garante è vacante dal 19 giugno e dal 28 giugno il collegio di Agcom con i membri in carica per l’ordinaria amministrazione.
Gli umori però sono cambiati anche su pressioni della Presidenza della Repubblica che ha lasciato intendere che non ci sono i requisiti costituzionali a giustificare una ulteriore proroga. Così i Presidenti di camera e senato Elisabetta Casellati e Roberto Fico hanno messo in calendario le votazioni per Agcom e Privacy il 19 dicembre.

Tra i primi nomi in corsa per la presidenza di Agcom (la nomina del Presidente di Agcom segue iter diverso da quello dei commissari in quanto il nome è proposto dal Presidente del Consiglio e richiede il voto dei due terzi delle Commissioni competenti di Camera e Senato) si parla di Roberto Garofali, supermagistrato e già capo di gabinetto del Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, Claudio de Vincenti economista docente della Sapienza e già ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno del governo Enzo Roppo, giurista, docente all’Università di Genova e saggista, già Vice Commissario Straordinario dell’Agenzia Spaziale italiana

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Enrico Rossi e le mascherine promuovono i giornali in Toscana

Enrico Rossi e le mascherine promuovono i giornali in Toscana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”