3 dicembre I Medici cala ma vince netto. Floris batte Berlinguer e Giordano

Si parlava tanto del Mes. Da tutte le parti. C’era Luigi Di Maio da Giovanni Floris e Matteo Salvini era ospite da Bruno Vespa. Non c’era il calcio della Champions League, continuava la saga de ‘I Medici’ ed era alle prese con due pellicole in prima tv. Erano questi i tratti salienti della serata tv di martedì 3 dicembre. Nella sfida delle ammiraglie ha avuto la meglio nettamente la tv pubblica.

Su Rai1 la fiction ‘I Medici – In nome della famiglia’, ha conquistato 3,8 milioni ed il 17,3% di share nella media dei due episodi trasmessi, flettendo notevolmente rispetto all’esordio ravvicinato (la sera prima aveva ottenuto 4,4 milioni ed il 19%).

 

Su Canale5 la pellicola ‘Wonder Woman’, con Gal Gadot e Chris Pine, ha avuto 2,5 milioni di spettatori e il 12,9% di share.

Sul terzo gradino del podio per ascolti è salita Italia1. La nuova puntata de ‘Le Iene’ con Alessia Marcuzzi e Nicola Savino alla conduzione ha totalizzato 2,083 milioni di spettatori e il 12,2%. Tra i talk giornalistici sette giorni prima aveva vinto Bianca Berlinguer, che avendo come ospite Matteo Salvini aveva superato Giovanni Floris e Mario Giordano. Ieri si è tornati quasi agli equilibri consueti.

Su La7 ‘DiMartedì’ ha aperto con Milena Gabanelli, e poi ha proposto la lunga intervista a Luigi Di Maio, e quindi tra i vari ospiti Pietro Senaldi, Concita De Gregorio, Claudio Cerasa, Carlo Calenda, Michele Emiliano, Mattia Santori, Elsa Fornero, Vittorio Sgarbi, Giovanni Tria, Francesca Donato, Giuliano Poletti, Elena Donazzan, Michel Martone, Don Sacco, Nicola Ferrigni, Emmanuela Bertucci, Maurizio Molinari, Stefano Zurlo, Gene Gocchi e Nando Pagnoncelli. Così organizzato il talk di Floris ha conquistato 1,4 milioni di spettatori circa e il 6,5%.

Su Rai Tre ‘#Cartabianca’, oltre all’immancabile Mauro Corona ha messo in campo Pierluigi Bersani, Maurizio Belpietro, Massimo Giannini, Andrea Scanzi, Barbara Palombelli, Manlio Di Stefano, Matteo Richetti, Annalisa Chirico, Maria Teresa Meli, aggiudicandosi 1,2 milioni di spettatori e 5,7%.

Terza per ascolti stavolta è stata Rete 4 con ‘Fuori dal coro’. Mario Giordano – che ha avuto come ospiti Paolo Del Debbio, Alessandra Mussolini, e poi Rita Dalla Chiesa, Luciano Casamonica – ha sfidato nel finale le maledizioni del mago Absea. La trasmissione così confezionata ha avuto 1,040 milioni di spettatori e 5,3% di share.

Su Rai2 la seconda pellicola fresca,Come ti ammazzo il bodyguard’, con nel cast Ryan Reynolds, Samuel L. Jackson, Salma Hayek, ha conquistato solo 983mila spettatori con il 4,1% di share.  La7 ha vinto la sfida dei talk in access.

A ‘Otto e Mezzo’ Lilli Gruber ha schierato Monica Guerritore, Beppe Severgnini e Marco Travaglio portando a casa 1,878 milioni di spettatori e il 7,3%.

Su Rete 4 Barbara Palombelli a ‘Stasera Italia’ ha convocato Ferruccio De Bortoli, Federico Rampini, Emma Bonino, Augusto Minzolini, Massimiliano Lenzi, riscuotendo 1,427 milioni di spettatori e il 5,8% di share nella parte e poi 1,181 milioni e 4,54%.

Su Rai2 il ‘Tg2 Post’ di Manuela Moreno con Giorgia Meloni, Mario Sechi e Davide Desario tra gli ospiti ha avuto 903mila spettatori e il 3,5%.

In seconda serata – tra le 23.37 e le 25.13 – con Matteo Salvini nella prima parte del programma, ‘Porta a Porta’ ha avuto 933 mila spettatori e il 10% di share.

Mentre il ‘Maurizio Costanzo Show’, con Alfonso Bonafede tra gli ospiti, ha conseguito 57 mila spettatori e il 9,75% di share, ma dalle 24.15 alle 25.59.

Terminato il film di Canale 5, entrambi i programmi sono stati battuti dalla parte finale de ‘Le Iene’.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lagarde ai giornalisti: avrò il mio stile di comunicazione;  non abbiate retropensieri e pregiudizi

Lagarde ai giornalisti: avrò il mio stile di comunicazione; non abbiate retropensieri e pregiudizi

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi (Ads). A ottobre calo generalizzato

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi (Ads). A ottobre calo generalizzato

Inpgi, Fnsi: su norme per la salvaguardia del pluralismo e l’autonomia dell’Isituto il governo si rimetta all’Aula

Inpgi, Fnsi: su norme per la salvaguardia del pluralismo e l’autonomia dell’Isituto il governo si rimetta all’Aula