Alessandro Giglio, presidente del Teatro Nazionale di Genova

Condividi

Il 4 dicembre 2019 l’assemblea dei soci del Teatro Nazionale di Genova – composta da rappresentanti del comune di Genova, della regione Liguria e della Camera di commercio – nomina Alessandro Giglio nuovo presidente. Succede a Gian Enzo Duci, che è stato presidente dal 2016, quando l’unione fra il Teatro Stabile di Genova e il Teatro dell’Archivolto ha portato, nel 2018, al riconoscimento di Teatro Nazionale. Duci rimane all’interno del Cda.

Giglio, classe 1965, è laureato in Scienze dello spettacolo e produzioni multimediali all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica ‘Silvio D’Amico’. Fondatore, maggiore azionista e ad di Giglio Group, società attiva in Italia nella progettazione, realizzazione e gestione di piattaforme di e-commerce e quotata nel segmento principale di Borsa Italiana. L’azienda ha sede a Milano e filiali a New York, Shanghai, Hong Kong, Roma, Lugano e Genova.

Alessandro Giglio

Prima di fondare Giglio Group, Alessandro Giglio ha dedicato molti anni della sua vita alla progettazione e realizzazione di eventi e spettacoli teatrali e televisivi. Per la televisione ha prodotto programmi quali ‘Carramba che Sorpresa’ (Rai 1), ‘Segreti e Bugie’ (Rai 1), ‘Navigator’ (Rai 1, e vincitore al Mip di Cannes nel 2000 come ‘Programma europeo più innovativo dell’anno’); per il teatro ha realizzato spettacoli con i più grandi registi ed interpreti del panorama internazionale.

“È un momento importante per questo teatro che, con la direzione di Davide Livermore, e ora con una nuova presidenza, accetta la sfida di confermarsi teatro nazionale, fortemente radicato sul territorio regionale, e contemporaneamente di dare un colpo d’ala per diventare internazionale – dichiara Ilaria Cavo, assessore alla Cultura di Regione Liguria – Regione Liguria, come ha fatto in questi anni, sarà al fianco del Cda e degli organi rappresentativi di questo teatro”. Anche Barbara Grosso, assessore alle politiche culturali del comune di Genova, accoglie il neopresidente.