Figc: dal calcio impatto socio-economico da 3 miliardi sul paese. In Italia prodotto il 12% del Pil del pallone nel mondo

L’impatto socio-economico del calcio italiano nel nostro Paese risulta pari a oltre 3 miliardi di euro. Un dato che considera l’indotto economico, nonché quello sociale e sanitario. È quanto emerge dal bilancio integrato della Figc, giunto alla quarta edizione e relativo al 2018, presentato alle scuderie di Palazzo Altieri a Roma.

(Foto LaPresse/Fabio Ferrari)

Secondo i dati, il fatturato diretto generato dal settore calcio è stimabile in 4,7 miliardi di euro. Il 12% del Pil del calcio mondiale viene prodotto nel nostro Paese.
Il sistema continua inoltre a rappresentare il principale contributore a livello fiscale e previdenziale del sistema sportivo, con quasi 1,2 miliardi di euro generati solo dal calcio professionistico (in crescita del 37% tra il 2006 e il 2016) e un’incidenza del 70% rispetto al gettito fiscale complessivo generato dal comparto sportivo italiano.

Nel bilancio un riferimento alle capacità inclusive del calcio. Negli ultimi dieci anni i calciatori nati all’estero che giocano in Italia sono oltre 60 mila con un incremento del 35% sul totale dei tesserati Figc. In particolare, nelle nazionali di calcio a 11 maschili i convocati con origini straniere sono 36, pari all’11% del totale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager