Nasce Tifo, app per la gestione di chi si occupa del mondo sportivo dilettantistico

Il 5 dicembre 2019 è stata presentata Tifo, app per il mondo dello sport dilettantistico in Italia che sarà disponibile a partire dal 2020.

Come spiega una nota, l’app consiste in una piattaforma digitale a disposizione di sportivi e associazioni. Il progetto mira a raccogliere in un’unica app ogni attività che fa parte del mondo sportivo, in modo da semplificarne la gestione. Fra le varie opzioni, quindi, l’utente può ricevere convocazioni e inviti a eventi del club o avere la possibilità di pagare la quota per l’attività sportiva. Anche club e allenatori possono usufruirne per raggiungere i propri iscritti e organizzare appuntamenti.

Al momento dell’iscrizione, ogni utente diventa proprietario – gratuitamente – di un wallet, con un iban italiano e una carta di pagamento collegata, consentendo agli utenti di pagare direttamente dal proprio smartphone. Oltre a pagare o incassare quote associative, tramite Tifo si potrà anche acquistare prodotti sportivi e contribuire a un crowdfunding. L’app consente, inoltre, di creare dei propri gruppi per interagire, creare eventi, condividere materiale e scambiare denaro gratuitamente.

Sono due gli appuntamenti importanti: gennaio 2020, quando partirà il beta test sulla selezione di alcuni club italiani, e aprile 2020, quando sarà possibile scaricare l’app su dispositivi iOS e Android. L’app opererà in Italia come agent sotto iscrizione all’Acpr (French Prudential Supervision and Resolution Authority) e Bankitalia.

Il team di Tifo

Il fondatore e ceo Sébastien di Mauro dichiara: “Tifo propone di semplificare l’organizzazione delle attività connesse al mondo dello sport e si fa promotrice di una società ‘fair play’ fondata su eticità e responsabilità sociale, sempre più orientata ai pagamenti digitali”. E, a proposito del sistema digitale di transazione di denaro, aggiunge che “garantisce i principi di massima trasparenza, rapidità e tracciabilità”.

Tifo ha già siglato accordi con tre organizzazioni sportive nazionali riconosciute Coni: Asi (Associazioni Sportive Sociali Italiane), Msp (Movimento Sportivo Popolare) e Unione Sportiva Acli, che insieme rappresentano il 20% degli sportivi iscritti a un Ente di Promozione Sportiva. Inoltre, a gennaio partirà il beta-test per valutare la user experience con la polisportiva SanPaolo Ostiense di Roma.

Oltre a Sébastien di Mauro, il team di Tifo è composto dal cmo Geronimo Emili, dal cfo Giovanni Procaccino, e dal cto William Franchini. Tra i partner del progetto: Treezor, società Fintech del gruppo Société Generale e istituto di pagamento autorizzata dall’Acpr. Ad ad affiancare Tifo sul fronte legale c’èTonucci & Partners.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Calcio. Ipotesi lotteria per l’assegnazione dei (pochi) posti allo stadio in Premier  nella prossima stagione

Calcio. Ipotesi lotteria per l’assegnazione dei (pochi) posti allo stadio in Premier nella prossima stagione

Calcio. Spadafora: lunedì Figc consegnerà protocollo con norme per ripresa campionato

Calcio. Spadafora: lunedì Figc consegnerà protocollo con norme per ripresa campionato

Calcio. ​Manchester United: per coronavirus dobbiamo restituire alle tv 20 milioni di sterline di diritti

Calcio. ​Manchester United: per coronavirus dobbiamo restituire alle tv 20 milioni di sterline di diritti