ViacomCbs: completata la fusione tra le due società

Nasce ufficialmente ViacomCBS. I due broadcaster hanno hanno annunciato oggi di aver completato il processo di fusione, annunciato la scorsa estate, che da vita a una società, presente negli Stati Uniti, Europa, America Latina e Asia, con capacità di produzione su scala globale e oltre 13 miliardi di dollari in termini di investimenti annuali in contenuti.

Bob Bakish

“Due aziende iconiche si uniscono per formare uno dei più importanti produttori e fornitori di contenuti a livello mondiale”, ha commentato Bob Bakish, presidente e ceo. “Attraverso l’unione degli asset complementari, delle rispettive competenze e di team esperti, ViacomCBS creerà e offrirà contenuti premium disponibili sia per piattaforme proprietarie sia per i nostri partner”, ha aggiunto, parlando di “una opportunità che consente al contempo di generare un significativo valore a lungo termine per i nostri azionisti”.

Il portafoglio di Viacom Cbs spazia in varie categorie – dalle news, allo sport, dall’intrattenimento, alla cultura, senza dimenticare musica e il mondo kids – e comprende brand tra cui Cbs, Showtime Networks, Paramount Pictures, Nickelodeon, Mtv, Comedy Central, Bet, Cbs All Access, Pluto TV e Simon & Schuster.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola oggi a Milano. Disponibile per tutti subito in edizione digitale

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola oggi a Milano. Disponibile per tutti subito in edizione digitale

La Stampa, accordo per ridurre i costi: 1 anno solidarietà al 15%, forfetizzazione straordinari, stabilizzazione contratti, taglio collaborazioni

La Stampa, accordo per ridurre i costi: 1 anno solidarietà al 15%, forfetizzazione straordinari, stabilizzazione contratti, taglio collaborazioni

Anzaldi scrive a ‘Prima’: propone la riforma Rai e attacca Cairo per i giudizi su Renzi

Anzaldi scrive a ‘Prima’: propone la riforma Rai e attacca Cairo per i giudizi su Renzi