Presentata TRX Radio, iniziativa di sei protagonisti del rap con partner Radio Italia. Mario Volanti socio, Team Radio concessionaria

L’operazione sembra destinata a lasciare un segno. Anche perchè è la prima in Italia e una delle pochissime nel mondo che mette insieme sei tra i maggiori rapper italiani come editori e protagonisti di un progetto digitale. Si chiama TRX Radio e  anche se appare inizialmente come un app musicale in realtà è una media company attorno a cui prenderanno vita una serie di eventi,  iniziative editoriali, social e commerciali focalizzate su Generazione Z e Millennials.

TRX Radio è nata 18 mesi fa da un’idea della producer Paola Zukar con Clementino, Ensi, Fabri Fibra, Guè Pequeno, Marracash e Salmo in veste di editori e direttori artistici. Un varo silenzioso, volutamente tenuto sottotono per studiare le reazioni, mettere a fuoco il format e cercare il partner giusto. Le cose sono andate bene, molto bene visto che l’app ha già 300mila download e che il partner scelto è Radio Italia, uno del maggiori network nazionali il cui editore, Mario Volanti, ha creduto talmente nel progetto da diventarne socio.

Mario Volanti editore e presidente di Radio Italia

Mario Volanti

TRX Radio promuove, suona e racconta esclusivamente musica rap, con playlist tematiche firmate dagli stessi artisti, in rotazione 24 ore su 24. Le playlist sono curate personalmente dagli artisti per garantire la più alta e motivata qualità nella selezione, scegliendo per gli ascoltatori tra la miriade di proposte attuali e passate. Ecco il valore aggiunto di TRX Radio: i sei big del rap che hanno aderito al progetto sono i veri protagonisti dell’offerta. “I giovani avvertono e respingono le operazioni di marketing artificiali e pretendono un contatto vero, reale con i loro rapper.  TRX Radio si fonda su questo patto di autenticità”, spiega Marco Pontini vice presidente di Radio Italia che è partner strategico e industriale del progetto. Ospita gli studi nella sede di Cologno Monzese (che però restano una realtà distaccata) e offre know how tecnologico e di supporto e non è difficile immaginare che prima o poi i  live dei protagonisti del rap italiano troveranno accoglienza nel suo ampio auditorium. “Se qualche hanno fa mi avessero detto che saremmo diventati partner di una radio rap non ci avrei creduto, ma oggi il mondo musicale è radicalmente cambiato. Ed è fantastico che così come noi abbiamo accolto il rap, il rap abbia riconosciuto Radio Italia come un loro punto di riferimento. Ne siamo davvero orgogliosi”, commenta Pontini.

La raccolta pubblicitaria di TRX Radio è stata affidata a Team Radio, realtà particolarmente forte sull’areale.  Per ingaggiare il target giovane è prevista soprattutto la vendita integrata di attività di branded content e iniziative speciali.  Oltre naturalmente a social, programmatic e spot radio. Se ne occupa una new entry di Team Radio, Laura Saviano che assume la responsabilità di TRX Radio.

In occasione del lancio ufficiale e in grande stile della radio avvenuto ieri sera negli studi di Cologno Monzese, sono stati annunciati i primi investitori. Perfetti con Air Action Vigorsol e Alpitour con Bravo e Neos. In particolare quest’ultimo sta allestendo un aeroplano brandizzato con i volti dei sei rapper fondatori. Ci sono poi anche Tuborg e Canon che sta per lanciare un contest per selezionare i fotografi ufficiali TRX Radio. Anche Telesia (gruppo Class)  sulle sue tante installazioni outdoor avvierà una selezione di giovani rapper a cui offrirà una vetrina eccezionale, i suoi schermi nelle metropolitane di Milano e Roma.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali