Mfe: il giudice rinvia l’udienza dopo assemblea di Mediaset. Discussione il 21 gennaio

La battaglia legale Mediaset-Vivendi va in stand by fino all’assemblea. Il giudice Elena Riva Crugnola ha sciolto la riserva accogliendo la richiesta di Mediaset di attendere l’esito dell’assemblea del 10 gennaio e differisce la discussione cautelare all’udienza del 21 gennaio 2020.

“Ai fini della valutazione cautelare appare rilevante l’esito della assemblea dei soci di Mediaset convocata per il 10 gennaio 2020 -: ha stabilito il giudice – e risulta quindi opportuno differire la discussione cautelare a udienza successiva a tale data, il differimento non risultando poi pregiudizievole per la posizione delle ricorrenti, potendosi mantenere fermo sino all’esito di tale ulteriore udienza il provvedimento di sospensione interinale già adottato”.

La nota Mediaset – A scioglimento della riserva assunta il 6 dicembre u.s., il Tribunale di Milano ha ritenuto che ai fini della valutazione cautelare delle domande formulate da Vivendi e Simon Fiduciaria relative alla delibera assunta dall’assemblea di Mediaset il 4 settembre u.s. risulta rilevante l’esito dell’assemblea dei soci convocata per il 10 gennaio 2020. Pertanto, in accoglimento della richiesta formulata da Mediaset, ha ritenuto opportuno differire la discussione a udienza successiva a tale data, fissandola per il 21 gennaio 2020.
Con il medesimo provvedimento il Tribunale ha ulteriormente esteso fino all’esito di tale udienza il provvedimento provvisorio di sospensione della delibera del 4 settembre 2019.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%