Il Pulitzer apre all’audio: dal 2020 nuova categoria dedicata a podcast e radio

Il premio Pulitzer apre ai podcast. A partire dal 2020 ci sarà anche un premio per la categoria ‘Audio Reporting’, che sarà riconosciuto a contenuti giornalistici audio, “che servono il pubblico interesse”, con “uno storytelling illuminante”.

Ad annunciare la novità è stato lo stesso board che assegna i Pulitzer, parlando di una “categoria sperimentale”. “La rinascita del giornalismo audio negli ultimi anni ha dato vita a una straordinaria gamma di narrazioni di saggistica”, ha spiegato l’amministratrice Dana Canedy.

Dana Canedy, amministratore premi Pulitzer

Per contenuti che spaziano da inchieste investigative alla tradizionale copertura di notizie, il premio è aperto a produttori di programmi radio e podcast, ma possono concorrervi anche editori americani, di giornali, agenzie e testate online che pubblicano audio regolarmente.

Sale quindi a 15 il numero di categorie che compongono il premio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti