Editoria, Verna: serve nuova legislazione per giornalismo. La Manovra sia attenta all’Inpgi

“Si è parlato nei mesi scorsi di un taglio all’editoria, noi pensiamo invece ci debba essere un supporto all’editoria in un contesto nel quale occorre complessivamente una nuova legislazione per rilanciare il giornalismo in una tumultuosa fase di cambiamento”. Ne è convinto il presidente del Consiglio nazionale dell’ordine dei giornalisti, Carlo Verna. “C’è bisogno di una presenza attiva dello Stato – ha spiegato, a margine di un incontro a Trieste – per concretizzare il diritto del cittadino a essere correttamente informato, in un contesto in cui tutte le nostre regole sono vecchie”. Da qui “l’idea di andare in giro in Italia per sensibilizzare anche le istituzioni locali alla necessità di un cambiamento e di un’attenzione specifica a questa che è una funzione vitale per la democrazia”.

Carlo Verna (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Intanto, ha aggiunto, a Roma “è in atto un tavolo con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Editoria, Andrea Martella, che mi sembra abbia già ben colto molti dei nodi cruciali che adesso andranno sciolti. Stiamo trattando sulla questione dell’equo compenso, perché è cambiata la natura della nostra professione: ora prevalgono i giornalisti che lavorano in maniera autonoma, ragion per cui occorrono delle regole adatte. Il 19 ci sarà il prossimo appuntamento: noi – ha concluso – chiediamo una sorta di automatismo di quello che sarà l’equo compenso perché non è possibile chiedere a un soggetto non tutelato di avanzare rivendicazioni”.

Verna ha parlato anche dei contenuti della manovra. “Ancora non abbiamo il quadro definitivo, intanto se si presta l’adeguata attenzione alla vicenda dell’Inpgi, questa è cosa buona e giusta, se si blocca con una moratoria il taglio ai finanziamenti alla piccola editoria, già quella è una cosa buona e giusta”, ha affermato. “Poi – ha aggiunto – con il sottosegretario Martella abbiamo già convenuto un percorso, ammesso che ci siano le condizioni politiche e che il Governo vada avanti, per parlare di editoria 5.0. Quindi per andare a discutere proprio di una nuova legislazione per il giornalismo che è il nostro obiettivo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play