Manovra, Fnsi e Odg contro gli emendamenti: impostazione inaccettabile. Inpgi: con prepensionamenti attacco a cassa e giornalisti

“Lo sforzo del governo di dare segnali al settore dell’editoria è apprezzabile, ma dalla lettura degli emendamenti alla legge di bilancio finora presentati emerge chiaramente il tentativo di imporre un’impostazione inaccettabile, la stessa che il Movimento 5 Stelle ha portato avanti nel primo governo Conte, tesa a indebolire l’informazione professionale e a cancellare gli istituti della categoria, a cominciare dall’Inpgi”. Lo afferma, in una nota, Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione nazionale della stampa.

Raffaele Lorusso (Foto ANSA / CIRO FUSCO)

“Vanno in questa direzione la previsione di nuove uscite anticipate dal mondo del lavoro, a prescindere dalla messa in sicurezza dei conti dell’Inpgi attraverso l’allargamento della platea degli iscritti, finora soltanto annunciato, e la possibilità che si vorrebbe concedere alle aziende editoriali di sostituire i giornalisti che vanno in pensionamento anticipato con non giornalisti sedicenti esperti di non si sa bene che cosa. È il disegno che il precedente sottosegretario all’Editoria, Vito Crimi, aveva tentato di realizzare attraverso la farsa dei finti Stati generali e che il suo successore, Andrea Martella, al quale va riconosciuta una grande disponibilità all’ascolto e sensibilità ai problemi del settore, sta cercando di ribaltare prevedendo anche una norma per l’assunzione di giornalisti precari”.

Per Lorusso, “è auspicabile che, in sede di esame e di discussione, i gruppi parlamentari facciano prevalere le ragioni del lavoro professionale e respingano il tentativo di indebolire l’informazione e di umiliare una categoria di professionisti. È altresì auspicabile che si metta definitivamente in sicurezza l’Inpgi, l’Istituto previdenziale dei giornalisti italiani, presidio indispensabile per l’autonomia e l’indipendenza della professione, la cui situazione finanziaria è il risultato di decine di stati di crisi e piani di ristrutturazione messi in atto dalle aziende soprattutto nel corso dell’ultimo decennio con gli incentivi dei governi che si sono susseguiti. Il lavoro regolare e la lotta al precariato devono tornare al centro dell’agenda politica così come deve essere combattuto il fenomeno dei pensionati che lavorano nelle redazioni”.

“Non è accettabile che in queste ore ci sia qualcuno che sta lavorando nell’ombra perché sia cancellata la norma, già prevista nelle legge 416/81 e ribadita nell’emendamento messo a punto dal sottosegretario all’Editoria, che impedisce a chi accede al pensionamento anticipato di stipulare contratti di collaborazione con la stessa testata e con le testate dello stesso gruppo. Chi sceglie il pensionamento anticipato – conclude il segretario Fnsi – è giusto che si goda la pensione e non precluda spazi a chi, giovani e meno giovani, ha tutto il diritto di entrare nel mondo del lavoro dalla porta principale, ossia con un contratto e una posizione previdenziale regolari”.

Carlo Verna (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Anche il presidente del Cnog, Carlo Verna, e i coordinatori dei presidenti degli Ordini regionali sono intervenuti sul tema, ritenendo, nel suo complesso, “devastante per il giornalismo” l’emendamento alla finanziaria presentato dal Governo relativo ai prepensionamenti nelle aziende editoriali.
“C’è una questione che porrebbe clamorosamente in contrasto la norma civilistica che si vorrebbe introdurre, con quella penale relativa all’esercizio abusivo della professione. Si legge, infatti, che in casi di riorganizzazione o ristrutturazione aziendale debba esserci un rapporto minimo di un’assunzione di un giovane under 35 ogni due prepensionamenti, ma che i giornalisti che lasciano possono essere sostituiti oltre che da altri giornalisti in alternativa da ‘soggetti in possesso di competenze professionali coerenti con la realizzazione dei programmi di rilancio, riconversione digitale e sviluppo aziendale’. Una parificazione per noi di gravità senza precedenti, che oltretutto avrebbe pesanti ripercussioni anche sul nostro Istituto di previdenza, per rimuovere la quale facciamo appello al buon senso che non manca al sottosegretario Martella e a tutte le forze politiche”.

Critiche anche dalla Presidente dell’Inpgi, Marina Macelloni, che ha inviato una lettera ai Ministeri vigilanti, Nunzia Catalfo e Roberto Gualtieri, al presidente della Commissione parlamentare di controllo sugli Enti, Sergio Puglia, e alla Corte dei Conti per segnalare le gravi conseguenze sui conti dell’Istituto delle misure in tema di prepensionamenti inserite nel disegno di legge di Bilancio per il 2020 all’esame del Senato. La norma proposta stanzia nuovi fondi, a carico del bilancio dello Stato, per finanziare un nuovo ciclo di uscite anticipate per i giornalisti. Le cifre stanziate comporteranno l’uscita dal lavoro di circa 120 giornalisti nel solo 2020 con una perdita di contributi per l’Inpgi di almeno 4,5 milioni all’anno. Non solo. La norma inserita nella legge di stabilità prevede inoltre che a fronte delle uscite, le aziende possano assumere anche soggetti privi di status giornalistico, quindi non assicurabili all’Inpgi, che siano “in possesso di competenze professionali coerenti con la realizzazione dei programmi di rilancio, riconversione digitale e sviluppo aziendale”. In pratica dalle redazioni usciranno giornalisti che saranno sostituiti in parte da non giornalisti: di fatto un attacco alla professione.

Marina Macelloni, presidente Inpgi (Foto: Primaonline.it)

E questo mentre il Consiglio di amministrazione dell’Ente è impegnato, come prevede la legge 58/2019 del 30 giugno scorso, a mettere in atto ulteriori misure volte al contenimento della spesa e all’incremento delle entrate in attesa dell’allargamento della platea previsto dalla stessa legge nel 2023.
“Ai nostri interlocutori istituzionali chiedo – ha detto la Presidente Macelloni – come è possibile per l’Istituto rispettare una legge che chiede di ridurre le spese e aumentare le entrate mentre con un altro provvedimento il Governo impone allo stesso Istituto una ulteriore riduzione di iscritti e di entrate contributive senza neppure il conforto di nuove assunzioni giornalistiche”.
Una simile prospettiva non può che portare un significativo ed estremamente grave peggioramento del saldo di bilancio dell’Ente dagli effetti potenzialmente devastanti sulla tenuta dei conti in funzione della sostenibilità del sistema. “Siamo i primi testimoni della crisi dell’editoria, i cui effetti sono evidenti nei nostri conti da oltre un decennio – ha aggiunto la Presidente – e quindi certo non possiamo negare l’esigenza di una nuova fase di ristrutturazione del settore. Riteniamo però indispensabile che tali misure vengano necessariamente coordinate con il processo di allargamento della platea degli iscritti all’Inpgi in modo da poter rafforzare il flusso finanziario della gestione previdenziale e rendere sostenibili anche gli effetti delle nuove uscite”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Milleproroghe. Editoria, passa vaglio proposta governo prolungamento convenzioni; stop a norma Coni-Sport e salute

Milleproroghe. Editoria, passa vaglio proposta governo prolungamento convenzioni; stop a norma Coni-Sport e salute

Comcast prepara il lancio del canale internazionale NBC Sky World News

Comcast prepara il lancio del canale internazionale NBC Sky World News

Accademia di Brera, bilancio integrato e cambio di statuto gli obiettivi della presidente Pomodoro

Accademia di Brera, bilancio integrato e cambio di statuto gli obiettivi della presidente Pomodoro