Come individuare l’influencer giusto

Contenuto sponsorizzato

La criticità principale che le aziende dichiarano di incontrare quando approcciano l’Influencer Marketing è la capacità di individuare i creator giusti. Secondo la recente ricerca di Koniqa su 300 decision maker di grandi aziende, il 60% sceglie i creator in base alla capacità di rappresentare i valori del brand in maniera autentica.

Si tratta di un compito complicato e time consuming perché nella maggior parte dei casi viene svolto usando i motori di ricerca interni ai social media oppure avvalendosi di tool gratuiti, poco affidabili rispetto alla qualità dei dati (sia di performance che di fake detection).

L’errore più ricorrente è di selezionare gli influencer basandosi sulla mera valutazione del numero dei follower o l’engagement rate, dunque finendo con lo scegliere sempre i soliti nomi noti.

Ecco perché oggi riuscire ad individuare influencer poco conosciuti, ma ideali per il brand, sta diventando un elemento differenziante nella costruzione della propria strategia di Influencer Marketing. Per questo Buzzoole ha pubblicato un nuovo white paper utile che aiuta ad individuare il giusto influencer. Questi alcuni elementi da tenere in considerazione nella ricerca del creator più adatto per la propria campagna di IM:

Analisi delle Performance: spesso viene usato l’engagement rate per capire la capacità di un profilo di generare interazioni. In realtà questa metrica confronta un dato attuale (le interazioni) con un dato cumulato (i follower) e non tiene conto dell’azione degli algoritmi che limitano la visibilità dei contenuti soltanto ad una piccolissima percentuale dei follower.
Sarebbe più appropriato guardare l’engagement per post o meglio la reach, ossia il numero reale delle persone raggiunte da quel messaggio. Questo dato è disponibile solo alle piattaforme che fanno uso di first party data (ossia un accesso agli insight concesso dal creator).

Analisi degli Argomenti: il principale criterio di scelta degli influencer è il topic di cui tratta sui suoi canali. Molti tool però si fermano ad una classificazione troppo generica del creator in base alla frequenza di utilizzo di parole chiave banali. Dunque risulta facile individuare quelli del mondo fashion, ma molto più difficile quando si volessero selezionare solo quelli che trattano una specifica nicchia, ad esempio l’abbigliamento per taglie forti.

Analisi dell’Audience: un modo intelligente per pianificare una campagna di Influencer Marketing è partire chiedendosi qual è l’audience che s’intende intercettare. Quindi non scegliere gli influencer in base all’argomento trattato, ma alla tipologia dei suoi follower. Con i tool più evoluti di discovery è possibile intercettare gli influencer da coinvolgere selezionandoli in base alle caratteristiche della loro audience ossia genere, età, località e interessi.

Analisi dei Contenuti: un altro modo poco usato per far emergere influencer interessanti è quello di effettuare una ricerca partendo dai contenuti. In questo modo, ad esempio, potrei scovare tutti i contenuti di chi ha parlato di un determinato prodotto o brand e scegliere soltanto quelli i creator che sono più in linea con lo stile del mio brand o che hanno una spiccata creatività.

Per venire incontro a queste sfide, Buzzoole, azienda leader della crescita 2019 secondo Statista, ha sviluppato un potente tool di ricerca e di intelligence potenziato da sofisticati algoritmi di Intelligenza Artificiale. Buzzoole Discovery, grazie a tecniche di Natural Language Understanding e Image Recognition applicate all’analisi dei contenuti di 2 milioni di profili, consente di avere una precisa e granulare classificazione degli influencer.
Inoltre per ogni singolo Creator permette di verificare le performance reali, le caratteristiche demografiche dell’audience, i brand menzionati, i contenuti più performanti e tanto altro.

Si potrà conoscere anche lo “stato di salute” dei profili verificati Buzzoole grazie ad un sistema di “fraud detection” basato sui first-party data ossia capire se un certo creator ha fatto uso di bot o se ha utilizzato un linguaggio volgare.

Se sei curioso di capire come Buzzoole Discovery può aiutarti a risparmiare tempo e a rendere più precisa l’individuazione degli influencer più adatti alle tue prossime campagne di Influencer Marketing? Scarica qui il nuovo white paper “Come scegliere l’influencer giusto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi