Sarah Falchi, senior sales manager di Buzzoole

L’11 dicembre Sarah Falchi è nominata senior sales manager di Buzzoole, influencer marketing solution provider. Riferirà direttamente al general manager Gianluca Perrelli.

Dopo la laurea in Communication & Marketing alla Iulm di Milano, Falchi inizia il suo percorso professionale in Tuttogratis come sales account supervisor. Il ruolo, ricoperto per oltre 5 anni, le permette di conoscere e approfondire la gestione delle attività di vendita applicate al mondo digitale. Nel corso degli anni matura esperienze nel settore dei media online e dell’editoria, arrivando a ricoprire la carica di senior key account executive in Open Influence.

Sarah Falchi

Sarah Falchi è specialista in sales management, influencer marketing, media buying e gestione di contenuti nativi. Ha lavorato presso il Sole24ore in qualità di senior account executive per le aree moda, lusso e beauty, oltre ad occuparsi della raccolta pubblicitaria (digitale e offline) per Ft, How to spend it, Le Point, Les Echos, le Soir e De Standard per le medesime aree. Dal 2006 al 2013 ha lavorato in Condé Nast Italia come advertising manager – per Style.it, prima, per Vanity Fair e VanityFair.it, poi – gestendo il team dedicato ai progetti speciali e occupandosi del coordinamento editoriale.

“L’arrivo di Sarah Falchi nella nostra squadra è un importante segnale di rafforzamento del team sales della società – dichiara Gianluca Perrelli – Operiamo in un mercato in espansione e in continua evoluzione”. E conclude: “Abbiamo bisogno di talenti come Sarah, che conosce le dinamiche di questa industry e che è in grado di reagire in modo propositivo e strutturato alle richieste dei nostri interlocutori”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Werner Tietz, vicepresidente R&D di Saet

Werner Tietz, vicepresidente R&D di Saet

Eugenio Giavatto, chief financial officer di Sirti

Eugenio Giavatto, chief financial officer di Sirti

Andris Pavan, direttore di Cortexa

Andris Pavan, direttore di Cortexa