Facebook crea un board indipendente per la sorveglianza sui contenuti

Facebook spenderà 130 milioni di dollari per creare un board indipendente incaricato di valutare come il social modera e gestisce i suoi contenuti. Il board, soprannominato la ‘Corte Suprema’ dei contenuti, funzionerà come una corte di appello con comitati di cinque persone chiamati a risolvere le controversie interne sugli standard per i contenuti.

Oltre a risolvere i singoli casi, il board potrà, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, effettuare raccomandazioni su eventuali modifiche delle politiche della società.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/Alejandro Bolivar)

I fondi stanziati da Menlo Park sono un “impegno iniziale” che punta a coprire le spese per i primi sei anni di attività del board e includerà i compensi dei membri del consiglio e di tutto il personale coinvolto, oltre allo spazio ufficio.

Si tratta di una cifra significativa in una struttura che non esiste e sulla quale ricadranno alcune delle decisioni più spinose della società, per mostrare anche l’impegno della società di assumersi la responsabilità per le decisioni più controverse. Il social negli ultimi tempi è stato a lungo sotto i riflettori e criticato per la gestione della disinformazione, dell’odio e dei contenuti grafici,

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola oggi a Milano. Disponibile per tutti subito in edizione digitale

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola oggi a Milano. Disponibile per tutti subito in edizione digitale

La Stampa, accordo per ridurre i costi: 1 anno solidarietà al 15%, forfetizzazione straordinari, stabilizzazione contratti, taglio collaborazioni

La Stampa, accordo per ridurre i costi: 1 anno solidarietà al 15%, forfetizzazione straordinari, stabilizzazione contratti, taglio collaborazioni

Anzaldi scrive a ‘Prima’: propone la riforma Rai e attacca Cairo per i giudizi su Renzi

Anzaldi scrive a ‘Prima’: propone la riforma Rai e attacca Cairo per i giudizi su Renzi