Facebook crea un board indipendente per la sorveglianza sui contenuti

Facebook spenderà 130 milioni di dollari per creare un board indipendente incaricato di valutare come il social modera e gestisce i suoi contenuti. Il board, soprannominato la ‘Corte Suprema’ dei contenuti, funzionerà come una corte di appello con comitati di cinque persone chiamati a risolvere le controversie interne sugli standard per i contenuti.

Oltre a risolvere i singoli casi, il board potrà, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, effettuare raccomandazioni su eventuali modifiche delle politiche della società.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/Alejandro Bolivar)

I fondi stanziati da Menlo Park sono un “impegno iniziale” che punta a coprire le spese per i primi sei anni di attività del board e includerà i compensi dei membri del consiglio e di tutto il personale coinvolto, oltre allo spazio ufficio.

Si tratta di una cifra significativa in una struttura che non esiste e sulla quale ricadranno alcune delle decisioni più spinose della società, per mostrare anche l’impegno della società di assumersi la responsabilità per le decisioni più controverse. Il social negli ultimi tempi è stato a lungo sotto i riflettori e criticato per la gestione della disinformazione, dell’odio e dei contenuti grafici,

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale