Un italiano su 4 ha ascoltato podcast nell’ultimo mese. Dati Ipsos: giovani e professionisti il pubblico principale

Ipsos ha presentato lo studio ‘Digital Audio Survey’. L’indagine, alla prima edizione, ha come obiettivo quello di rilevare ascolto e modalità di fruizione di tutte le forme di digital audio, format che sta vivendo un momento di interesse generale. Nel 2019 è stata realizzata, in collaborazione con Audible e CondéNast, su un campione di 2.300 casi rappresentativi della popolazione italiana, tra i 16 e i 60 anni, e intervistati via CAWI con un questionario di 15 minuti a luglio 2019.

Come punto di partenza, lo studio cerca di dare una definizione – in accordo con gli stakeholder del settore – di podcast. Secondo Ipsos il format comprende ‘contenuti audio inediti, disponibili via internet, che possono essere sia ascoltati in streaming, sia archiviati e ascoltati in modalità offline’. Sulla base di questa definizione, la società dimensiona gli ascoltatori dei podcast nell’ultimo mese in circa 7 milioni di individui, e cioè il 26% della popolazione italiana tra i 16 e i 60 anni.

cco (pixabay.com)

Gli ascoltatori di podcast sono giovani, istruiti e hanno una quota elevata di persone con professioni
qualificate. Ma soprattutto, rileva la ricerca, sono soggetti interessati a contenuti di qualità che possano soddisfare la loro curiosità e volontà di esplorare, che vanno proattivamente a cercare sulla base dell’argomento (53%, ma addirittura 61% tra i 35-44enni), o degli speaker/voci narranti, che giocano a loro volta un ruolo cruciale specie tra i più giovani (24%, ma 30% tra gli under 35).

I podcast rispondono a esigenze di target diversi e in situazioni diverse. Il 78% delle persone (dato più rilevante trai soggetti oltre i 45 anni) ascolta podcast a casa, ma molti molti utilizzano il format anche in mobilità (30% in macchina, 26% sui mezzi pubblici, quota che diventa il 31% tra gli under 35).

Spesso l’ascolto avviene in concomitanza con altre attività (83%), ma – in risposta a chi pensa che si tratti di un format impegnativo che quindi richiede uno sforzo all’ascoltatore – va notato che per il 46% degli ascoltatori di podcast l’ascolto è vissuto come un momento di relax.

In un momento in cui i media faticano a tenere agganciato il proprio pubblico con appuntamenti ricorsivi, è significativo che la grande maggioranza degli ascoltatori si mostri molto interessata alle serie di podcast (71%), e il 30% degli ascoltatori ascolti le serie per intero. La capacità di creare relazione è un tratto di questo format che è senz’altro di grande interesse per una molteplicità di operatori.

“Dalla nostra indagine emerge il quadro di un format dalle grandi potenzialità, e che proprio per la sua natura ‘pull’, di contenuto che l’utente ricerca attivamente sulla base dei propri interessi, risponde alle esigenze di un target qualificato, selettivo e sempre più difficile da agganciare”, hanno commentato le curatrici della ricerca Nora Schmitz, leader audience measurement Ipsos, e Claudia d’Ippolito, senior researcher in media development. “Questa caratteristica conferisce al podcast un interessante valore pubblicitario, con livelli davvero elevati di ricordo dei brand pubblicizzati (64%). Importante però che gli operatori capitalizzino le potenzialità di questo format tenendo presenti le sue specificità e le modalità con cui le persone vi si relazionano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager