Calcio, diritti tv: senza governance stabile in Serie A nessuna nuova offerta da MediaPro

Nessuna nuova offerta da parte di Mediapro per i diritti tv della Serie A e trattativa al momento chiusa senza una governance stabile nella lega. È la posizione che la società spagnola, controllata dal fondo Orient Hontai Capital, sembra intenzionata ad adottare durante l’assemblea dei club di Serie A di oggi, non presentando alcuna nuova proposta.

L’ultima offerta di Mediapro è quella che la Lega ha ricevuto lo scorso 4 novembre, con scadenza al 30 novembre: una offerta su cui la Serie A non ha votato nell’assemblea del 25 novembre, rimandando il discorso.

Foto Ansa

Tuttavia Mediapro, ad oggi, spiega Ansa, sembra considerare la trattativa conclusa e finché la Lega non avrà una governance stabile non ci sarà alcuna riapertura. Nel caso in cui le parti non tornassero a trattare, sullo sfondo resta sempre aperto il contenzioso legale sulla caparra da 64 milioni versati dal gruppo spagnolo alla Serie A per i diritti tv 2018/21, contratto poi risolto dalla Lega.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maxi multa ad Amazon per violazione delle norme Ue sulla privacy, da Lussemburgo ammenda da 746 milioni. L’azienda: faremo ricorso

Maxi multa ad Amazon per violazione delle norme Ue sulla privacy, da Lussemburgo ammenda da 746 milioni. L’azienda: faremo ricorso

Il ministro Giorgetti al Giffoni: La nostra proposta? Chi tramette prodotti audiovisivi deve farlo con almeno il 25% di produzioni italiane

Il ministro Giorgetti al Giffoni: La nostra proposta? Chi tramette prodotti audiovisivi deve farlo con almeno il 25% di produzioni italiane

Suraci (Rtl 102.5) sul dossier di riforma Testo unico media audiovisivi e radiofonici digital: Giorgetti stia attento alle trappole anti italiane

Suraci (Rtl 102.5) sul dossier di riforma Testo unico media audiovisivi e radiofonici digital: Giorgetti stia attento alle trappole anti italiane