Nel 2019 uccisi 49 giornalisti. Rsf: crescono pressioni dai governi

Quarantanove giornalisti uccisi in tutto il mondo dall’inizio dell’anno, quasi 400 in carcere, la metà dei quali solo in tre Paesi: Cina, Egitto ed Arabia Saudita.

941 giornalisti uccisi in 10 anni

Sono i numeri forniti da Reporter senza frontiere (Rsf), il cui portavoce, Michael Rediske, nel giorno in cui viene diffuso il rapporto annuale sulla libertà di stampa, denuncia come i governi abbiano accresciuto le loro pressioni sugli operatori dell’informazione.

– Leggi o scarica Il bilancio del 2019 di ‘Reporter senza frontiere’

I paesi con più giornalisti uccisi

Secondo Rsf, la metà dei giornalisti uccisi in tutto il mondo dall’inizio dell’anno si conta in cinque Paesi: Siria, Messico, Afghanistan, Pakistan e Somalia. Il numero è il più basso registrato dal 2003 e rappresenta un calo del 44% rispetto al bilancio dell’anno scorso. Questo minimo storico – rispetto alla media annuale di 80 – è dovuto ad una diminuzione dei giornalisti uccisi nelle zone di guerra. In Siria, Yemen e Afghanistan si è registrato un numero inferiore rispetto al 2018, passando da 34 a 17. La situazione, però, non è migliorata dappertutto: in Messico, ad esempio, i giornalisti uccisi sono stati 10, come l’anno passato. L’Amerca Latina, con un numero pari a 14, ha un livello di mortalità uguale al Medio Oriente e le sue guerre. Questo tipo di tendenza registra un numero di morti che corrisponde al 59% in Paesi con una condizione – apparente – di pace, ma al contempo un aumento del 2% di giornalisti uccisi perchè tali.

Numero di giornalisti uccisi, presi in ostaggio, detenuti e scomparsi

Quanto ai giornalisti detenuti, solo in Cina sono 120, oltre il 40% dei quali cosiddetti ‘citizen journalist’, che, a dispetto della censura, hanno cercato di diffondere informazioni indipendenti via social. La maggior parte di quelli imprigionati nel 2019 appartengono alla minoranza musulmana degli uiguri.

– Leggi o scarica Il bilancio del 2019 di ‘Reporter senza frontiere’

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa