Nel 2019 triplicato il numero di ascolti di podcast in Italia. Voxnest: business e cultura i contenuti più richiesti

Nel 2019 gli ascolti di podcast in italiano sono triplicati nel giro di pochi mesi: se all’inizio dell’anno erano circa 60mila, a novembre il numero è salito a 160.000 al giorno (novembre 2019). Lo certifica VoxNest, che per la prima volta ha presentato un report dedicato al fenomeno in Italia, partendo dai dati registrati su Speaker, piattaforma di proprietà produttrice di podcast.

(elaborazione Voxnest)

Secondo lo studio, riadattamento per il mercato italiano del suo The State of the Podcast Universe Report 2019, è più che raddoppiata la media mensile di ascolti a partire da gennaio 2019, con un passaggio da 1.800.000 a quasi 4.500.000 (novembre 2019).

(elaborazione Voxnest)

(elaborazione Voxnest)

Gli ascoltatori unici al mese su Spreaker – ovvero quante volte un utente accede e ascolta almeno un contenuto – da quasi 640mila sono passati a oltre 1.700.000 (novembre 2019). Secondo la ricerca la crescita si deve in particolar modo al momento in cui Spotify ha dichiarato di voler essere il primo player audio al mondo.

(elaborazione Voxnest)

In linea con lo scenario internazionale, anche in Italia si registra un aumento degli investimenti pubblicitari sui contenuti audio. Il settore trainante è l’automotive, anche in questo caso rispecchiando la tendenza globale e soprattutto europea.

Gli argomenti più ascoltati sono legati alle tematiche Business, prima nella Top 5 delle categorie di podcast preferite dagli italiani. Al secondo posto, troviamo la categoria Società e Cultura, che accoglie un vasto bacino di contenuti. Subito dopo, troviamo poi News (3° posto), Tempo Libero (4°posto) e infine Calcio. Quest’ultima categoria, rimarca la ricerca, è cresciuta del 200% negli ultimi mesi del 2019, collezionando nel solo mese di agosto circa 50.000 ascoltatori a settimana.

(elaborazione Voxnest)

Per quanto riguarda il momento della giornata in cui si ascoltano podcast, l’orario di punta, trasversale a tutte le categorie, sembrano essere le 7.00 del mattino. C’è poi una seconda fascia oraria: le cinque del pomeriggio, l’orario in cui o si sta rincasando o la mole di lavoro è già stata assorbita e si è predisposti per rilassarsi e distrarsi seguendo qualche episodio del podcast prediletto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nel 2019 smartphone e tablet i device su cui gli americani passano più tempo. Superata la tv

Nel 2019 smartphone e tablet i device su cui gli americani passano più tempo. Superata la tv

Next-Gen Summit 2019: consumi, comportamenti e aspirazioni dei millennial in una ricerca di Bain&Company per il Gruppo 24 Ore

Next-Gen Summit 2019: consumi, comportamenti e aspirazioni dei millennial in una ricerca di Bain&Company per il Gruppo 24 Ore

La crisi, la crescita del web, la resistenza di tv e radio, e le difficoltà della stampa. Come è cambiata in 15 anni la pubblicità nei Big5 Ue

La crisi, la crescita del web, la resistenza di tv e radio, e le difficoltà della stampa. Come è cambiata in 15 anni la pubblicità nei Big5 Ue