17 dicembre Ognuno è perfetto vince. Conte e Floris battono il cenone di Giordano e Salvini

Il Matteo Salvini che ieri giocava a tombola su Rete4 rispondendo sulle domande d’attualità entrerà nella storia della tv (e sarà molto condiviso sui social). Come il mitico Poiana, del resto, che affiancava l’amico Mauro Corona sulla terza rete prima dell’ingresso in studio di Nicola Zingaretti e allietava il pubblico proponendo il verso del merlo. Più banale e convenzionale, alla fine, risultava Giuseppe Conte (con sullo sfondo Rocco Casalino) che, a cavallo delle 22.00, era alle prese con il contradditorio allestito su La7.

Non c’era la Champions League in onda il 17 di dicembre, ma era interessante vedere la sfida dei talk, dove oramai Mario Giordano gioca la partita utilizzando sempre più interessanti ispirazioni lisergiche. La sfida tra le ammiraglie, invece, aveva in palio il solito target familiare, ma si giocava su ingredienti solo in parte consueti. Come è andata a finire? Ha vinto la serata la tv pubblica.

Su Rai1 il secondo appuntamento consecutivo con ‘Ognuno è perfetto’, la fiction imperniata sulle vicende di un gruppo di ragazzi con la sindrome di Down, con Edoardo Leo, Cristiana Capotondi, Nicole Grimaudo, Piera degli Esposti, Gabriele Di Bello, Alice De Carlo, Aldo Arturo Pavesi nel cast, stavolta ha riscosso 4,459 milioni di spettatori ed il 20,7% di share (alla prima puntata aveva avuto 4,6 milioni di spettatori ed il 20,7%).

Su Canale 5 la nuova versione tecnologica del classico ‘Il Libro della Giungla’, con Neel Sethi, Ritesh Rajan, Brandon Henschel, Sara Arrington, ha totalizzato 2,762 milioni e il 12,2% di share.

 

Sul terzo gradino del podio si sono installate ‘Le Iene’. Alessia Marcuzzi e Nicola Savino hanno totalizzato stavolta 1,869 milioni di spettatori e l’11,5%.

La rete ‘giovane’ di Mediaset, ha nettamente staccato la rete omologa di Viale Mazzini, facendo un picco da 3,5 milioni col primo servizio di Giulio Goria, dedicato ai vicini di casa impossibili di un condominio calabrese. Su Rai2 il film ‘Proprio lui?’, ha riscosso solo 782mila spettatori e il 3,4% di share arrivando distante dagli approfondimenti giornalistici.

Nella sfida dei talk Giovanni Floris (oltre a Giuseppe Conte in pista anche Pierluigi Bersani, Marco Travaglio, Carlo Calenda, Carlo Cottarelli) ha regolato con ampio vantaggio, Bianca Berlinguer (Nicola Zingaretti, il già citato Mauro Corona, Alfonso Bonafede, Bruno Vespa, Gianluigi Paragone) e Mario Giordano (apertura sulla legittima difesa, poi l’amato Matteo Salvini e quindi salvaguardia del prodotto italiano e celebrazione del panettone natalizio).

Su La7 ‘DiMartedì’ ha ottenuto 1,436 milioni di spettatori e il 6,8%.

Su Rete4 ‘Fuori dal coro’ ha conquistato 1,033 milioni di spettatori e il 5,5%.

Su Rai3 ‘#Cartabianca’ è arrivato a 983mila spettatori e il 4,8%.

Non intuitive le dinamiche: Corona e Poiana (su Rai3), hanno battuto nettamente Travaglio su La7 e l’apertura di Giordano sulla legittima difesa. Poi è andato più forte di tutti Floris col premier Conte, che ha staccato Giordano e il segretario leghista, e Berlinguer col segretario Pd.

La7 ha vinto la sfida dei talk in access.

A ‘Otto e Mezzo’ Lilli Gruber ha schierato Diego Della Valle e Massimo Giannini portando a casa 1,776 milioni di spettatori e il 7,1%.

Su Rete 4 Barbara Palombelli a ‘Stasera Italia’ ha convocato Stefano Patuanelli, e poi Federico Rampini, Gianfranco Librandi, Daniele Capezzone, Fausto Bertinotti, riscuotendo 1,2 milioni di spettatori e il 5% di share nella prima parte e poi 1,161 milioni e 4,6% nella seconda.

Su Rai2 il ‘Tg2 Post’ di Manuela Moreno con Stefano Buffagni e Gerardo Villanacci tra gli ospiti ha avuto 845mila spettatori e il 3,3%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tlc, il Covid pesa sui conti. Dati Mediobanca: in Europa vince Deutsche Telekom, la Spagna supera l’Italia per fatturato

Tlc, il Covid pesa sui conti. Dati Mediobanca: in Europa vince Deutsche Telekom, la Spagna supera l’Italia per fatturato

La storica Radio Milano International torna in Fm grazie ad Adn Italia.  Pierfrancesco Borra: ripartiamo da Lombardia, Calabria e Sicilia

La storica Radio Milano International torna in Fm grazie ad Adn Italia. Pierfrancesco Borra: ripartiamo da Lombardia, Calabria e Sicilia

Agcom, ammissibile il progetto FiberCop (Tim); ora approfondimenti

Agcom, ammissibile il progetto FiberCop (Tim); ora approfondimenti