Serie A: Giancarlo Abete nuovo commissario ad acta

Il consiglio federale della Figc ha scelto Giancarlo Abete come nuovo commissario ad acta della Lega calcio di Serie A, fino al 10 marzo 2020, in sostituzione di Mario Cicala, dimessosi ieri sera.Amministratore delegato della Holding Gruppo Abete, è un volto noto nell’ambiente sportivo: è stato infatti presidente della Figc per due mandati, dal 2007 al 2014, concludendo il suo mandato dimettendosi dopo l’eliminazione della nazionale ai Mondiali del 2014.
Il suo impegno nel mondo del calcio era iniziato ben prima, avendo ricoperto dal 1989 al 1990 il ruolo di capo del settore tecnico della Figc per poi passare a quello della Lega Professionisti Serie C, che ha mantenuto fino al 1997. L’anno prima, nel 1996, era diventato per la prima volta vicepresidente della Federazione, incarico che ha conservato fino al 2000 e poi una seconda volta dal 2001 al 2006.

Giancarlo Abete (foto
ANSA / MATTEO BAZZI)

“Giancarlo Abete è una persona di grande equilibrio e di esperienza che già conosce il nostro mondo perfettamente e così le dinamiche della Lega A”, il commento del presidente della Figc, Gabriele Gravina. “L’auspicio è che la Lega A, nel più breve tempo possibile proceda ad individuare la sua nuova governance”, ha aggiunto il numero uno della Federcalcio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager