Mondadori scorpora i periodici. Magazine, siti e partecipazioni confluiscono in Mondadori Media

Dal 1° gennaio i magazine e i siti Mondadori e le partecipazioni dell’Area Periodici confluiranno in una struttura societaria specifica, con l’obiettivo di valorizzarne il business attraverso una gestione, sottolinea un comunicato, “più efficiente e mirata e più funzionale al conseguimento di opportunità strategiche e partnership”, come già fatto con Mondadori Libri e Mondadori Retail.

Mondadori Media, questo il nome del nuovo ramo d’azienda, avrà Ernesto Mauri – ad del Gruppo di Segrate – come presidente, Carlo Mandelli amministratore delegato, e Andrea Santagata – chief innovation officer di Gruppo – direttore generale.

Nella foto, Carlo Mandelli e Andrea Santagata

Nello specifico, a Mondadori Media verrà conferito il ramo d’azienda costituito dalle attività periodiche print, digital e shared services, oltre alle società controllate Direct Channel (100%), Press-di Distribuzione Stampa e Multimedia (100%), Adkaora (100%), Mondadori Scienza (100%) e le partecipate Mediamond (50%) e Mondadori Seec (Bejiing) Advertising Co. Ltd (50%), che pubblica in Cina il magazine Grazia.

Due le direttrici secondo cui si articolerà la nuova struttura. La prima è per “la gestione dei brand a 360 gradi, con la creazione di tre macro aree tematiche: Entertainment, Fashion&Design e Mass Market”. L’obiettivo, spiega ancora l’editrice, è “mettere a fattor comune ciascun know-how, declinando i brand su tutti i canali, dal print al web, dagli eventi ai social, dai format tv agli smart speaker. Ciò anche per incrementare e diversificare sempre più le fonti di ricavi e rispondere alle esigenze di lettori/utenti e investitori”.
La seconda direttrice punta a creare “centri di competenza orizzontali a supporto dei brand (dagli eventi alle vendite congiunte, dalla distribuzione agli abbonamenti): l’obiettivo è garantire una continua e sempre più necessaria ricerca dell’efficienza”.

Mondadori Media spa si avvarrà di due strutture di staff, Marketing e Business Development, “con l’obiettivo di accelerare il processo di trasformazione del business, iniziato con l’acquisizione di Banzai Media, rafforzare il rapporto con il mercato e favorire l’integrazione multimediale dei brand”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale