Rai, Salini: i partiti paralizzano l’azienda, le istituzioni faticano a trovare nomi di garanzia

“Io sono un uomo di azienda, per me la priorità è aumentare la competitività della Rai, supportare la
produzione di un’offerta di qualità e non giocare a tetris con le  pedine della politica”. E’ lo sfogo dell’ad Rai Fabrizio Salini raccolto da ‘Repubblica’. ”Parliamoci chiaro -dice Salini che ricorda
il mandato ricevuto nel luglio 2018 ”Fuori la politica dalla Rai”-  siamo in un contesto in cui le istituzioni faticano a trovare nomi di garanzia per tanti posti rilevanti: pensiamo alle authority per la
privacy e per le comunicazioni che sono bloccate a qualche mese”.

Oggi, avverte, ”abbiamo un urgenza: avviare il piano industriale.  Ritardare questo passo per venire incontro alle esigenze di una parte politica è inaccettabile per chi, come me, è stato nominato ad con
l’esplicito mandato di tenere la politica fuori dalla Rai”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager