Stretta agli influencer da Instagram e Facebook: niente più post sponsorizzati su e-cig e tabacco

Stretta di Facebook e Instagram sugli influencer. I due social hanno deciso di vietare loro di pubblicizzare prodotti del tabacco, sigarette elettroniche e armi. Il giro di vite dovrebbe prendere il via nelle prossime settimane, mentre altri prodotti come alcol e integratori alimentari avranno comunque delle restrizioni parziali.

La compagnia di Zuckerberg ha affermato che tali prodotti sono “da lungo tempo” proibiti nella sua policy sulla pubblicità, ma inizierà a far rispettare il divieto nelle “prossime settimane”.

cco (Foto Pixabay)

Proprio in questi giorni quattro aziende legate alle sigarette elettroniche sono finite nel mirino della Advertising Standards Authority (ASA), l’autorità britannica sulla pubblicità, proprio per le attività su Instagram legate alle ‘celebrities’. Per quanto riguarda Facebook, la stretta chiude una ‘falla’ nella policy della compagnia, che già prevede che i prodotti per lo ‘svapo’, le armi e il tabacco non possano essere pubblicizzati ma che lasciava aperta la possibilità che dei privati potessero inserirli nei propri post.

Lo scorso giugno, dopo molte polemiche sulla pubblicità occulta, Instagram ha reso più più chiari, con una dicitura, i post che contengono i contenuti sponsorizzati. “E’ la prima volta – ha specificato un portavoce della compagnia – che si implementano restrizioni sul tipo di prodotti che possono essere promossi con i contenuti sponsorizzati”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale