Variety500: Iger (Disney) l’uomo più influente nello spettacolo. Tra gli italiani, Scrosati in classifica per il terzo anno

Robert Iger, il ceo della Walt Disney, leader dell’operazione che ha integrato la Fox nella major di Topolino e lanciato la piattaforma Disney+, è l’uomo più potente dell’industria dello spettacolo da 2.2 trilioni di dollari. Lo ha sancito la classifica Variety500 che, alla terza edizione, ha selezionato le persone più influenti del settore.

Bob Iger (Foto Ansa EPA/JUSTIN LANE)

Al secondo posto si piazza Shari Redstone, presidente di ViacomCbs, mentre al terzo Tyler Perry, fondatore dell’omonima società che nel 2019 ha realizzato nell’ex base dell’esercito ad Atlanta un gigantesco studio di produzione.

Spazio anche per gli italiani. Andrea Scrosati, coo (chief operating officer) di Fremantle dalla fine del 2018, è in classifica per il terzo anno consecutivo. Da quando è in Fremantle, scrive Variety, sta stringendo collaborazioni come quella firmata a giugno con il produttore di ‘Catch 22’ e ‘True Detective’, Richard Brown.

Andrea Scrosati (foto uff. stampa Sky)

Andrea Scrosati

Presenti in graduatoria Marco Bassetti, Riccardo Tozzi, Raffaella Leone, Alberto Barbera, Paolo Del Brocco, Guglielmo Marchetti (new entry con Notorius), Carlo Chatrian, Pier Silvio Berlusconi e Paolo Vasile (ceo Mediaset Spagna).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic): al lavoro per una nuova legge di sistema per l’editoria su modello della legge per il cinema

Franceschini (Mic): al lavoro per una nuova legge di sistema per l’editoria su modello della legge per il cinema

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE e TOP 10 delle property (Comscore). A gennaio Google e Fb sempre in testa, ma i gruppi italiani accorciano la distanza 

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE e TOP 10 delle property (Comscore). A gennaio Google e Fb sempre in testa, ma i gruppi italiani accorciano la distanza 

Addio Mibact. Al suo posto arriva Mic, Ministero della Cultura

Addio Mibact. Al suo posto arriva Mic, Ministero della Cultura