Atp Finals e Masters 1000 su Sky fino al 2023

Le Atp Finals restano su Sky. L’azienda ha annunciato ieri l’accordo per le edizioni dal 2020 al 2023 del più importante evento tennistico mondiale dopo i tornei del Grande Slam, che mette di fronte gli otto migliori giocatori dell’anno. Si tratta dell’ultima alla O2 Arena di Londra e delle prime tre al Pala Alpitour di Torino. Ad aprile, la candidatura italiana aveva sconfitto la concorrenza di Manchester, Londra, Singapore e Tokyo per ospitare le edizioni dal 2021 al 2025. L’accordo comprende anche i tornei Masters 1000, inclusi gli Internazionali d’Italia di Roma. Sky detiene anche i diritti di Wimbledon e di alcuni Atp 250.

Stefanos Tsitsipas (Foto Ansa – EPA/WILL OLIVER)

La notizia è arrivata nella stessa giornata in cui due italiani sono stati premiati agli Atp Awards, gli Oscar del tennis. Matteo Berrettini è stato infatti votato dai colleghi come giocatore più migliorato del 2019 (‘Most Improved Player’), al termine di una stagione iniziata come numero 54 della classifica mondiale e conclusa all’ottavo posto. Jannik Sinner è stato invece scelto come ‘Newcomer of the year’, la stella nascente dell’anno, dopo essere diventato il più giovane giocatore dal 2003 a oggi a chiudere la stagione tra i migliori 100 al mondo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti