Venerdì 20 e Sabato 21 Venier batte Natale da Chef, Amadeus/Telethon prevale sulla De Filippi in replay

Sanremo è ancora lontano ma continua la super esposizione di Amadeus nella prima serata della tv pubblica.

Nel prime time di venerdì 20 dicembre su Rai1 ‘La porta dei sogni’, con Mara Venier alla conduzione del format ultra buonista e tantissimi e pregiati ospiti, ha ottenuto 2,781 milioni di spettatori con il 14,4%. Concorrenza non particolarmente aggressiva, però, per l’esperimento Rai.

Su Canale 5, infatti, la commedia ‘Natale da Chef’, con Massimo Boldi tra i protagonisti, ha ottenuto 2,255 milioni di spettatori e l’11,3%% di share.

Sul terzo gradino del podio si è collocato Gianluigi Nuzzi: su Rete4 ‘Quarto Grado’ ha avuto 1,444 milioni di spettatori e l’8,5%.

Al sabato, il 20 di dicembre, situazione ancora favorevole a Viale Mazzini.

Su Rai1 ‘I Soliti Ignoti Il Ritorno – Speciale Telethon’ ha conquistato 4 milioni di spettatori ed il 19,8% di share.

Su Canale 5 ‘L’album di Tú Sí Que Vales’ ha ottenuto 2,9 milioni di spettatori ed il 17,4% di share. Dietro hanno corso appaiate due proposte: su Italia 1 ‘Mamma ho preso il morbillo’ ha raccolto 1,382 milioni di spettatori (6,6%), mentre su Rai3 ‘Città Segrete’ ha riscosso 1,3 milioni di spettatori ma con il 7,2%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale