E’ nata Esclapon & Co, nuovo nome di CsC Vision

Tre anni, diciamo di rodaggio, dietro una sigla senza particolari identità, CsC Vision, poi aperto l’ufficio a Milano dopo quello di Roma, allargato il numero dei clienti e dei collaboratori, Costanza Esclapon ha deciso di mettere il proprio nome per dare riconoscibilità alla sua società di comunicazione. Per cui CsC Vision e’ diventata Esclapon & Co.

Non è stata una scelta facile per una professionista abituata alle regole dei manager dei grandi gruppi in cui ha lavorato per cui l’azione nell’ombra è da previlegiare al protagonismo. Ma le regole di un sistem  economico in cui il family brand è molto premiante – basta pensare al mondo della moda, con Armani, Valentino, Ferragamo ecc, o delle industrie come Pirelli, Illy, Rana, e poi alle società finanziarie, Goldman Sachs, Morgan Stanley -, ha fatto capire che anche nel campo della consulenza in comunicazione può giovare.

Costanza Esclapon

Sta diventando infatti difficile districarsi tra le numerosissime sigle che affollano il mondo dei consulenti in comenicazione, con il rischio che i clienti vadano in confusione, e così c’è chi, potendo contare su una certa notorietà, decide, come ha già fatto Gianluca Comin, di dare il proprio nome al business. Lo stesso è stata consigliata di fare Costanza Esclapon, fino all’ ultimo molto restia ad uscire allo scoperto.

Esclapon &Co è una boutique della comunicazione, secondo il modello che ispira la sua fondatrice, affiancata da due partner come Antonella Zivillica, con cui Esclapon ha condiviso esperienze in Enel, Intesa Sanpaolo e Alitalia ( e che mantiene il ruolo di responsabile relazioni esterne di Ntv) e Maria Laura Sisti, lunga esperienza in Fastweb come capo media relation e prima come giornalista a Class Editori. Oltre al terzetto di senior l’organico è formato da professionisti, conosciuti da Esclapon nelle sue attività precedenti , e da qualche giovane talentuosa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%