25 dicembre Vince La Bella e la Bestia, va forte Salemme

Natale 2019 nella tradizione di sempre. Rai dominante, come è fisiologico che sia, nella serata tv del venticinque dicembre.

Su Rai1 il film ‘La Bella e la bestia’, con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Klineed Ewan McGregor nel cast, ha ottenuto 3,561 milioni di spettatori ed 17,9% di share.

Un’altra buona prestazione ha fatto il teatro di Rai2. ‘Salemme il bello… della diretta! –Una festa esagerata’, la commedia live di e con Vincenzo Salemme ha avuto 2,060 milioni di spettatori e il 10,3% di share.

 

Sul terzo gradino del podio è arrivata Canale5. La commedia ‘Il peggior Natale della mia vita’, con Diego Abatantuono, Laura Chiatti, Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi, Antonio Catania, Anna Bonaiuto, ha riscosso 1,920 milioni e il 9,6%.

Tutte le altre proposte sono rimaste sotto quota un milione di spettatori: su Rai3 ‘Che storia è la musica’, con Ezio Bosso alla direzione, ha avuto 945mila spettatori e il 5%; su Italia1 lo show ‘Warm Up & Down’ con Paolo Ruffini alla conduzione, ha conseguito 870mila spettatori e il 4,5%; su Rete4 l’evergreen ‘Via col vento’ ha totalizzato 865mila spettatori e il 4,9%; su La7 ‘Pomi d’ottone e manici di scopa’ ha totalizzato 529mila spettatori con il 2,5%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale