26 dicembre Cenerentola doppia Hunziker. Non brilla il cinepanettone de I Legnanesi

Serata televisiva ancora ‘fiabesca’ giovedì 26 dicembre. Ieri, a Santo Stefano – dopo la vittoria de ‘La bella e la bestia’ nella serata di Natale – a dominare nettamente la scena è stato un titolo Disney vivificato dalla regia di Kenneth Branagh.

Su Rai1 ‘Cenerentola’, con nel cast Stellan Skarsgàrd, Hayley Atwell, Helena Bonham Carter, ha ottenuto un risultato che in questa stagione è stato tipico delle migliori fiction della rete: 4,329 milioni di spettatori e il 20,14%.

L’ammiraglia di Viale Mazzini ha doppiato per ascolti quella di Cologno. Lo show ‘All Togerther Now’ con Michelle Hunziker alla conduzione e J-Ax ed un ‘muro’ di esperti in supporto per giudicare i talenti in gara, ha avuto 2,143 milioni di spettatori e il 12% (in calo di due punti e mezzo rispetto alla settimana precedente).

Tra i vari altri film in pista, quello di Rai2 (‘Ratatouille’, a 1,656 milioni di spettatori e 7,5% di share) ha avuto più ascolti di quello di Rai3 (‘La soffiatrice di vetro’ 1,5 milioni e 6,8%) nonché del film di Natale costruito con I Legnanesi in viaggio a Napoli (‘Non è Natale senza panettone’ a 1,236 milioni e 5,36%).

L’esperimento di Rete 4 non ha brillato ma ha battuto la pellicola di Italia 1 (‘Allegiant’, a 844mila spettatori e 4,1%) e la trasmissione tattica de La7 (‘Gazzetta Sports Awards’ a 394mila e 1,9%).

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale