Venerdì 27 e Sabato 28 Benigni stacca Rai1, Venier batte Albano e Romina in replica

Film e show a confronto sulle ammiraglie in due serate topiche della settimana generalista. Nel prime time di venerdì 27 dicembre su Rai1 la prima tv del film ‘Abel il figlio del vento’ ha ottenuto 2,679 milioni di spettatori con il 12,5%. Più forte è stata la concorrenza, con un film premiato con l’Oscar.

Su Canale 5, infatti, ‘La vita è bella’, con Roberto Benigni tra i protagonisti, ha ottenuto 3,3 milioni di spettatori e il 16,4% di share. Sul terzo gradino del podio si è collocato il film di Rai3: ‘Un matrimonio da favola’ ha raccolto 1,489 milioni di spettatori con il 6,6%, facendo meglio della pellicola di Rai2 (‘Saving Mr. Banks’ a 1,330 milioni di spettatori e 6,2%).

Al sabato, il 28 di dicembre, situazione favorevole a Viale Mazzini con Mara Venier alla conduzione del format ultra buonista natalizio con tanti ospiti. “La porta dei sogno’ ha ottenuto 2,622 milioni di spettatori con il 14,3%. Concorrenza non particolarmente aggressiva.

Su Canale 5 la replica di ’55 passi nel sole’ con Albano e Romina riuniti ha ottenuto 2,1 milioni di spettatori con l’11,4% di share. Dietro i primi, infine, su Italia 1 ‘Daddy’s home 2’ ha raccolto 1,343 milioni di spettatori (6,3%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager