29 dicembre Terence Hill non stravince. I Miserabili batte Luca & Paolo

C’erano tante ‘prime’ – nonostante il periodo festivo – nella serata tv di domenica 29 dicembre. Ha vinto facile il titolo inedito diretto e interpretato da Terence Hill in onda sull’ammiraglia pubblica, ma con il film d’animazione di quella privata in progressiva rimonta, ed una miniserie di Rai3 (materia prima un romanzo cult) che è stata la vera sorpresa del prime time.

Su Rai1, comunque, ‘Il mio nome e Thomas’, con Veronica Bitto a fianco di Terence Hill, ha conquistato 3,075 milioni di spettatori e il 14,3% dominando la scena.

Su Canale 5 ‘Zootropolis’ ha avuto 2,331 milioni di spettatori e 10,7% di share.

Su Rai3 ‘I Miserabili’, con Lily Collins e Dominic West, ha ottenuto 2 milioni di spettatori e il 9,5% lasciando a distanza il film fresco di Italia 1 e la trasmissione evento di Rai2 che celebrava i 90 anni di vita della Serie A.

Su Italia 1 la commedia leggera al primo passaggio, ‘Din Don – Il ritorno’, con Enzo Salvi protagonista, ha raccolto 1,3 milioni di spettatori e il 6,1%.

Su Rai2 ‘Il Campionato fa 90’, con l’equipe di Quelli che il calcio al comando (Luca e Paolo, Mia Ceran, Ubaldo Pantani) e tanti ospiti impegnati in un quiz per festeggiare il calcio italiano, ha conquistato 1,070 milioni di spettatori e 5,3%.

In coda più staccate sono arrivate le altre proposte. Su Rete4 ‘Love Actually’ ha conseguito 800mila spettatori e il 4,3%.

Su La7 ‘Tut –Il destino di un faraone’ ha portato a casa 680mila spettatori e il 3,3%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali