Novembre in crescita del 16,5% per la Go Tv. Dati Fcp: da gennaio progressivo al 7%

L’Osservatorio Fcp-Assogotv (Fcp-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del mezzo Go Tv, a novembre e nel progressivo 2019. I dati evidenziano per novembre un fatturato totale di € 1.911.000,00, corrispondente ad un incremento del 16,5% rispetto al corrispettivo 2018.
Da inizio anno (gennaio-novembre 2019) i dati evidenziano un fatturato totale di € 18.589.000,00, corrispondente ad un incremento del 7,1%, rispetto al corrispettivo 2018.

Angelo Sajeva

Il commento di Angelo Sajeva, presidente Fcp-Assogotv:
“Performance a doppia cifra e la terza più alta dell’anno, a conferma di un trend robusto e vivace che aumenta di un punto percentuale il progress a novembre 2019. Contribuisce al risultato la netta crescita della continuity con aziende che pianificano anche tutto il mese, ottimizzando i risultati delle coperture dei piani televisivi, in generale pianificati secondo flight di 2 o 3 settimane.
Si rafforza ulteriormente il settore del largo consumo, migliora la performance dell’auto e accelera il settore energia contribuendo a rendere sempre più ricco e completo il mix dei settori e dei brand scelti per la Go Tv”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stampa, 2019 annus horribilis per la pubblicità -11%. Fcp: raccolta quotidiani -9,7%, periodici  -13,4

Stampa, 2019 annus horribilis per la pubblicità -11%. Fcp: raccolta quotidiani -9,7%, periodici -13,4

La radio chiude l’anno in positivo: +1,7% da gennaio per la pubblicità. Fcp: nel 2019 andamento non lineare di tutto il mercato pubblicitario

La radio chiude l’anno in positivo: +1,7% da gennaio per la pubblicità. Fcp: nel 2019 andamento non lineare di tutto il mercato pubblicitario

L’adv digitale cresce del 7,3% a novembre. Fcp Assointernet: da inizio anno incremento del 3,1%

L’adv digitale cresce del 7,3% a novembre. Fcp Assointernet: da inizio anno incremento del 3,1%