Fabrizio Savorani, head of content di Fandango Club

Condividi

A partire dal 14 gennaio 2020 Fabrizio Savorani è head of content di Fandango Club, agenzia di live communication specializzata nell’event management.

Savorani ha maturato un’esperienza di oltre venticinque anni nel mondo del marketing e della comunicazione. Durante la sua carriera lavorativa ha sviluppato competenze in settori e industrie dell’intrattenimento: dalla radio al cinema, dall’editoria al licensing e al merchandising, ma anche fumetti, animazione, videogiochi, sport e giocattoli. Accanto ad esperienze in The Walt Disney Company Italia, DeAgostini Rizzoli, Mondadori, e Doxa, nel mondo radiofonico ha organizzato tour ed eventi pubblici selezionando, di volta in volta, contenuti, aziende e brand coerenti con il pubblico di riferimento.

Nel nuovo ruolo, si concentrerà sui contenuti relativi ai big event ‘Milan Games Week’ e ‘G! come giocare’, firmati Fandango Club, oltre che rappresentare, con una progettualità dedicata, un trait d’union aziendale tra i contenuti dei partner, i media, i protagonisti e i pubblici dei big event realizzati dall’agenzia.

Fabrizio Savorani

“Il mercato dell’event management sta attraversando un periodo di profondo cambiamento: le aziende, sponsor ed espositrici, non possono essere più considerate solo dei produttori o semplici attività commerciali, ma devono essere trattate come realtà dotate di personalità e contenuti propri e distintivi che è fondamentale saper coordinare nell’organizzazione dell’evento – afferma Savorani – Non si può prescindere dalla forza del contenuto, che va armonizzato e promosso in maniera coerente con il big event a cui partecipa”. E conclude: “Il mio ruolo in Fandango Club si avvicina molto a quello di un direttore artistico, con il compito di selezionare le aziende per gli eventi e contenuti, talenti e artisti da poter associare ai brand in maniera ottimale”

Michele Budelli, ceo di Fandango Club: “L’arrivo di Fabrizio rappresenta un passo fondamentale nel nostro processo di evoluzione, perché significa approfondire ulteriormente il know-how su un target tanto articolato e fluido quale quello dei bambini e dei ragazzi in relazione a mercati in costante evoluzione e cambiamento”.