Tv, Dazn in Italia nel 2019 viste quasi 80 milioni di ore; Milano, Roma e Ivrea le città dove è più seguita

Dazn, il primo servizio internazionale di streaming live e on demand interamente dedicato allo sport e presente ad oggi in 9 paesi, racconta la sua stagiona sportiva 2019.
La visione degli eventi sportivi in tutto il mondo si sta spostando sempre più sulle piattaforme OTT che sono in grado di offrire agli utenti innovative modalità di fruizione dinamiche e interattive. A
dimostrazione di ciò, l’incredibile performance registrata da Dazn nel 2019 cresciuta a livello globale del 98% rispetto al 2018. Sono oltre 500 milioni le ore di contenuti visti sulla piattaforma, pari a più di 57.000 anni di streaming che, volendo fare un paragone, corrisponde a vedere la popolare serie TV ”Game of Thrones” oltre 6.5 milioni di volte.

Tra gli sport più visti live su Dazn a livello globale a far da padrone è il calcio (314.6 milioni di ore) con un’offerta che include alcune delle competizioni più seguite dagli appassionati del pallone
come la Serie A, la Uefa Champions League, la Premiere League, LaLiga,Ligue1 e la Bundesliga. Sul podio anche baseball e motori, rispettivamente al terzo e quarto posto, seguiti subito dopo da
football americano e boxe. Per la boxe è stata un anno speciale su Dazn. L’incontro Ruiz vs Jousha II, dello scorso 7 dicembre, è stato infatti l’evento live più visto su Dazn in tutto il mondo.

Diquattro

Guardando all’Italia, invece, le ore viste su Dazn sono oltre 79.3 milioni, che equivalgono ad ascoltare circa 146.7 milioni di volte la hit italiana ”È sempre Bello” di Coez, una delle canzoni più ascoltate del 2019*. Il 90% delle ore viste riguarda eventi trasmessi in diretta, sono infatti oltre 10.487 gli eventi live solo nel 2019.

Nel nostro paese, tra le città più attive troviamo al primo posto Milano, con 18.6 milioni di ore, seguita da Roma e Ivrea, rispettivamente con 9.1 e 5.8 milioni di ore. Appena fuori dal podio,
Napoli, che si classifica alla quarta posizione con 2.7 milioni di ore, e Torino, al quinto posto con 2.2 milioni di ore.

Rispetto a quella internazionale, leggermente diversa la classifica italiana che vede comunque il calcio al primo posto – con un’offerta che include tre partite per ogni giornata di Serie A Tim, tutti i match della Serie Bkt, alcune tra le migliori competizioni europee come LaLiga, Ligue 1, FA Cup, EFL League Cup, Eredivisie e Championship, quelle sudamericane come Copa Libertadores e Copa
Sudamericana e altri campionati internazionali come la Major League Soccer (MLS), la J1 League giapponese e la Chinese Super League. Secondo e terzo posto rispettivamente per il football americano e la pallavolo davanti a boxe e baseball alla quarta e quinta posizione.

Nel nostro paese Dazn si conferma inoltre una piattaforma multidevice,regalando al tifoso un’esperienza di visione a 360°e in qualsiasi situazione: nel corso dell’anno, oltre il 61% delle ore sono state viste in streaming attraverso Smart TV, Set-Top Box o console. Il 39% proviene da dispositivi mobile (smartphone e tablet) e web. Un risultato importante che evidenzia un cambiamento anche nelle abitudini del tifoso che, ormai familiare con il servizio, ricerca strumenti tecnologici sempre più ”smart” per migliorare la propria esperienza di intrattenimento. (AdnKronos)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale