- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Inaugurato l’Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020. Franceschini: volano di sviluppo e cooperazione

Un formidabile patto tra due superpotenze mondiali nel settore: è quanto sancisce l’Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020 che si è inaugurato il 21 gennaio a Roma, con una grande manifestazione all’Auditorium Parco della musica, alla presenza dei ministri dei Beni culturali e del turismo dei due Paesi, Dario Franceschini e Luo Shugang, che fa seguito all’analoga cerimonia che si è svolta a Pechino lo scorso 15 gennaio, presente per l’Italia l’ambasciatore Luca Ferrari.

Per le relazioni tra i due Paesi, che insieme possono vantare complessivamente 110 siti tutelati dall’Unesco, 55 cadauno, in un testa-a-testa che ha visto recentemente raggiungere l’Italia dal partner asiatico nella classifica mondiale, si tratta della conferma di una relazione solida e un volano per rafforzare e ampliare l’area di cooperazione. “C’è una grandissima attenzione verso l’Italia su tutti i campi – ha sottolineato il ministro Franceschini – c’è voglia di fare insieme moltissime cose: dalla musica a co-produzioni cinematografiche, a scambi tra musei e di mostre, e lavorare insieme sul turismo, che è crescente sia in Italia che in Cina. C’è un grande lavoro da fare e ci saranno moltissime iniziative in Italia e in Cina, avvieremo un percorso e rafforzeremo i legami già esistenti in tutti i settori”.

“Esiste già un linguaggio comune tra i nostri Paesi, che affonda le sue radici nel passato: oggi la Via della Seta è rinata e sancisce un nuovo e più forte collegamento tra Italia e Cina – ha affermato dal canto suo il ministro Shugang – c’è uno spirito più aperto per approfondire i nostri scambi, verso un partenariato più stretto. Mi auguro un Anno della cultura e del turismo Italia-Cina di grande soddisfazione e capace di incentivare i nostri rapporti bilaterali, anche di partnership tra i nostri cittadini”.

“L’Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020 non è un punto di arrivo, ma di partenza per l’intensificazione dei rapporti tra i due Paesi – ha sottolineato l’ambasciatore italiano a Pechino, Luca Ferrari – fondamentale per portare a maturazione molte iniziative avviate negli anni passati e per avviarci su un percoso virtuoso di relazioni che nell’arco di 2-3 anni porterà, ne sono certo, frutti e risultati molto positivi, rilevabili statisticamente. L’Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020 non avvicina solo i popoli ma intensifica anche i rapporti commerciali, economici, finanziari tra i due Paesi”.

Nel collage (foto Ansa/Alessandro Di Meo): Luo Shugang e Dario Franceschini

Solo restando nel campo turistico nel 2019 sono stati 280 mila gli italiani che hanno visitato la Cina, mentre i cinesi che hanno scelto il Belpaese come meta dei loro viaggi sono stati 550 mila a cui bisogna aggiungere i turisti, sempre cinesi, provenienti da altre mete, come ha ricordato il ministro Shugang nel suo intervento. Nel 2018 l’Italia è stata il Paese dell’Unione europea più visitato dai turisti cinesi e al dodicesimo posto tra le prime 20 mete mondiali di destinazione dei flussi cinesi in uscita. “L’Italia ha un ‘soft power’ culturale che deve esercitare: lo stiamo facendo – ha rilanciato Ferrari – abbiamo appena concluso con la Cina un accordo per portare i voli bilaterali tra i due Paesi da 56 a 164 la settimana, arricchendoli di nuovi scali, per portare il turismo su tutto il territorio, anche verso borghi e città più piccole. Quindi per quanto riguarda l’Italia non solo più Roma e Milano, ma anche Firenze, Bologna, Venezia, Bari e altri…Naturalmente per quanto ci riguarda dovremo essere capaci di offrire infrastrutture turistiche adeguate, oltre a quelle culturali, che già ci sono”.

E proprio la valorizzazione dei centri minori per entrambi i Paesi e il turismo sostenibile sono stati al centro dei colloqui tra i due ministri Franceschini e Shugang che hanno preceduto l’inaugurazione. “E’ stato uno dei temi di cui abbiamo parlato – ha rimarcato Franceschini – il lavoro che stiamo facendo è moltiplicare gli attrattori internazionali, alcuni luoghi hit hanno già il problema del sovraffollamento turistico, e sono luoghi fragili, luoghi d’arte. Bisogna allora organizzare i flussi, far sì che anche le mete meno conosciute nei due Paesi diventino mete dei nostri turismi internazionali. Non ci si può limitare a Roma, Shanghai e Venezia, che stanno già soffrendo”.

Altro punto centrale è stato, più che una competizione – “che non esiste” – tra i due Paesi circa il numero dei siti Unesco che possono vantare, di cui nell’Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020 si potranno celebrerare molti gemellaggi, “il riconoscimento, la tutela e la valorizzazione del patrimonio” turistico e culturale, ha aggiunto Franceschini, ricordando la proposta italiana volta alla protezione dei siti Unesco da catastrofi naturali, guerre, terrorismo e traffico di opere d’arte attraverso l’istituzione di Caschi Blu della cultura, finanziati dalla comunità internazionale.

“L’antica Via della Seta, di cui Venezia e Pechino rappresentavano i due terminali, ha cambiato il mondo e ha avuto un’importanza paragonabile a quella che ha avuto internet nelle nostre vite” ha concluso Franceschini. Oggi questa nuova Via della Seta, sul terreno della cultura e della conoscenza reciproca, è “un formidabile strumento di conoscenza reciproca” e di dialogo, “capace di sconfiggere le paure che troviamo nelle comunità nazionali e che sono nate con la globalizzazione”.

Per concludere, il ministro Shugang ha voluto ricordare che l’Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020 si inaugura in Italia a pochi giorni dal Capodanno lunare cinese che si celebra il 24 gennaio. Si concluderà invece a fine anno (in novembre) con le celebrazioni a Pechino del 50esimo anniversario dell’istituzione delle relazioni internazionali tra i due Paesi, presente il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.