Amazon Prime Video lancia le nuove produzioni italiane. Carlo Verdone, Fedez, Tiziano Ferro e Totti tra i big ingaggiati

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Le star di Prime Video. La piattaforma di streaming Amazon Prime Video (100 milioni di abbonati nel mondo) lancia la sfida a Netflix con le nuove produzioni italiane. Tra i big ingaggiati, Carlo Verdone (che reciterà nei panni di se stesso in una serie comedy), Francesco Totti, Fedez, Luis Sal, Costantino della Gherardesca, Claudio Santamaria, Francesca Barra e Tiziano Ferro.

Internet gratis per Isee sotto 20 mila euro. La proposta è al vaglio del comitato governativo che si occupa di banda ultralarga: un piano triennale da 1,3 miliardi di euro che copra le spese di un abbonamento per le famiglie italiane con Isee inferiore a 20 mila euro. Previste agevolazioni anche per Pmi, scuole e centri per l’impego. Rinviata più volte, l’idea dovrebbe andare in porto a metà 2020.

Will, l’informazione su Instagram. L’ultima novità del giornalismo italiano – nata dalla collaborazione tra l’economista influencer Imen Jane (25) e Alessandro Tommasi (34) – in poco meno di una settimana ha raccolto oltre 80 mila follower. E promette di raccontare i cambiamenti dell’economia, della politica e della società in modo non convenzionale, «distaccandoci dal rumore di fondo del giornalismo tradizionale».

Una tassa sui colossi del web per finanziare la ricerca sui danni mentali causati dai social media a bambini e adolescenti. A proporla sono i medici britannici riuniti nel Royal College of Psychiatrists, che chiedono a gran voce al Governo di costringere le società tecnologiche a consegnare i dati alle università per aiutare i ricercatori a comprendere come i giovani siano colpiti da contenuti online dannosi e «un prelievo fiscale proporzionato al loro fatturato mondiale» per sostenere la ricerca.

Cresce l’e-commerce in Italia. Nel 2019 gli italiani hanno fatto acquisti online per 31,6 miliardi, il 15% in più dell’anno precedente e il 6% dello shopping nazionale. I settori in crescita: elettronica e informatica (+19% lo shopping online nel 2019) sono a 5,3 miliardi, l’abbigliamento 3,3 miliardi, arredamento 1,7 miliardi (+30%), l’alimentare +42% a 1,6 miliardi.

Tinder, Sos per incontri pericolosi. La funzionalità sarà sperimentata in America, ma nelle intenzioni dell’app per incontri più popolare è quella di estenderla a tutto il mondo: un pulsante permetterà agli utenti in difficoltà o in situazione di pericolo di allertare le forze dell’ordine.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale