Riparte da Milano il progetto Quotidiano in Classe

Parte domani, prima tappa Milano, ‘L’informazione nell’era della multimedialità: il ruolo del giornalismo
locale tra carta stampata, tv e web’, iniziativa che Rai propone nell’ambito del progetto ‘Educazione alla conoscenza del giornalismo televisivo, attraverso il ruolo del servizio pubblico’. Il progetto è
promosso per il settimo anno da Osservatorio Permanente Giovani-Editori e Rai ed è rivolto a tutti i docenti e agli studenti delle classi che partecipano al progetto ‘Il Quotidiano in Classe’.

L’iniziativa, realizzata con la collaborazione della Tgr, delle sedi regionali e dei Centri di produzione tv e col supporto di Rai Porte Aperte, propone agli studenti – nel corso del 2020 – alcuni incontri sul
territorio con i responsabili delle redazioni locali della Tgr e di direttori di quotidiani locali per mettere a confronto notiziari tv e carta stampata.

Logo Osservatorio Permanente Giovani-Editori

Nel primo appuntamento con gli studenti, nella sede Rai di Milano, sono protagonisti i direttori dei quotidiani il Giorno, Sandro Neri; la Provincia di Cremona, Marco Bencivenga, e di BresciaOggi, Maurizio Cattaneo; il direttore del Centro di Produzione Tv Rai di Milano, Enrico Motta; il caporedattore centrale della Tgr Lombardia, Loris Gai, e la giornalista Elisabetta Santon. Tra i temi in primo piano, l’informazione
locale della Testata giornalistica regionale, le differenze tra le notizie del Tg e quelle di una prima pagina, e il rapporto tra news e mezzi di informazione: come viene raccontato lo stesso fatto da quotidiani, tv e web?

Gli incontri successivi sono in programma a Palermo (5 febbraio) con il direttore editoriale della Gazzetta del Sud, Lino Morgante, e il vicedirettore del Giornale di Sicilia, Marco Romano; e a Bologna (18 febbraio) con il direttore di Quotidiano Nazionale e Il Resto del Carlino, Michele Brambilla, e il direttore di Gazzetta di Parma, Claudio Rinaldi. In programma, nel corso della primavera, altri appuntamenti a Cosenza e a Firenze, e – in autunno – a Napoli e Bari.

(AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale