Presentata la terza edizione del Festival dello Sport. Tema: We are the champions

Condividi

Il Festival dello Sport torna alla sua terza edizione con il titolo ‘We are the champions’, in programma dall’8 all’11 ottobre 2020 a Trento. E’ organizzato da La Gazzetta dello Sport e dal Trentino (Provincia Autonoma di Trento, Comune di Trento, Trentino Marketing, Apt di Trento), con il patrocinio del Coni e del Comitato italiano paralimpico.

L’edizione 2020 è stata annunciata oggi, 28 gennaio 2020, al Muse di Trento in una conferenza stampa con: Maurizio Fugatti (presidente Provincia autonoma di Trento), Francesco Carione (direttore generale La Gazzetta dello Sport), Roberto Failoni (assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e
turismo Provincia autonoma di Trento), Alessandro Andreatta (sindaco di Trento), Andrea Monti
(direttore La Gazzetta dello Sport), Maurizio Rossini (Ceo Trentino Marketing), Gianni Valenti
(vicedirettore vicario La Gazzetta dello Sport e direttore scientifico Il Festival dello Sport), Massimo
Bernardoni (delegato Comitato italiano paralimpico Trento) e Paola Mora (presidente Coni Trento),

Presentazione Festival dello Sport

Gianni Valenti: “Per la terza edizione del Festival dello Sport abbiamo scelto il titolo iconico che riprende quello di un brano che tutti associamo alle grandi imprese sportive. Ma chisono i campioni? Personaggi straordinari, singoli o squadre, che vincono, riuscendo ad eccellere su tutti gli altri. Atleti, allenatori, imprenditori e medici che lasciano o hanno lasciato una traccia con la loro specialità nell’ambito del mondo dorato dello sport. Ognuno degli ospiti che ci verrà a trovare a Trento avrà un’impresa da raccontare, delle emozioni da consegnare al meraviglioso pubblico di una kermesse che dopo solamente due anni è già diventata un piccolo grande fenomeno di cultura sportiva. Parleremo naturalmente di sport olimpici, a due mesi dalla chiusura dei giochi di Tokyo, del grande calcio, del pianeta dei motori e delle fantastiche imprese che ci regala la montagna”.

“La macchina organizzativa che sta dietro ad un evento come questo – ha evidenziato Maurizio Rossini – è davvero importante e coinvolge numerosi soggetti: il Comune, la Provincia, l’APT locale, le Forze dell’ordine e poi le istituzioni delle Sport come il Coni, il CIP, fino alle principali Federazioni e al mondo dell’Associazionismo sportivo”.

“Per La Gazzetta dello Sport questo Festival è stato ed è un evento fondamentale – ha detto il
direttore Andrea Monti – Non solo per il suo straordinario successo, ma soprattutto perché
consente di vivere la dimensione dell’incontro. La condivisione con il pubblico fa esprimere al
meglio i valori del giornale e del Festival: emozione e passione”.