Rai: Vigilanza convocata il 4 febbraio. Barachini: disponibile ad anticipare

La Vigilanza Rai è stata convocata per il 4 febbraio alle ore 14. A comunicarlo, in una nota, il presidente della bicamerale, Alberto Barachini, nella quale specifica di essere “disponibile ad anticipare con urgenza tale convocazione ove dovessi ricevere una formale richiesta in tal senso da parte dei gruppi parlamentari”.

Alberto Barachini (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Il senatore FI spiega di avere “cercato di riunire la Commissione in tre diverse occasioni nel corso di questi ultimi giorni”. La prima convocazione, stabilita per martedì 28 gennaio, alle ore 14:00, è stata “sconvocata a seguito di richiesta scritta del gruppo del Movimento 5 stelle”. La seconda e la terza convocazione, fissate il 29 gennaio, rispettivamente alle ore 8.30 e alle 20.30, non hanno avuto luogo la prima “per espressa richiesta di tutti i gruppi di maggioranza”, la seconda per decisione dello stesso Barachini, “dopo avere registrato l’impossibilità di svolgerla con una presenza adeguata”.

Barachini ha parlato anche del Festival di SanRemo. “In merito alle criticità emerse in relazione al prossimo Festival di Sanremo sottolineo di avere già provveduto ad effettuare gli atti dovuti, inviando due lettere ai vertici Rai riguardo l’opportunità di alcune scelte della direzione artistica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale