Stop dal Guardian alle pubblicità delle compagnie petrolifere: “riscaldamento globale sfida più importante”

“The Guardian non accetterà più la pubblicità da compagnie petrolifere e del gas, diventando la prima grande testata giornalistica a istituire un divieto assoluto di ricevere denaro da società che estraggono combustibili fossili”. Comincia così l’articolo pubblicato dal quotidiano britannico The Guardian, che annuncia di rinunciare, con effetto immediato, alle pubblicità da parte di tutte le aziende coinvolte nell’estrazione di fonti di energia fossile.

La sede a Londra, The Guardian

Alla base di questa iniziativa, spiega il giornale, c’è la volonta di ridurre l’utilizzo di carbonio da parte delle società e trasmettere, di conseguenza, un messaggio chiaro a favore dell’attuale emergenza climatica. “La nostra decisione si basa sugli sforzi decennali di molti protagonisti di questo settore, per prevenire azioni significative sul clima da parte dei governi di tutto il mondo”, dichiarano Anna Bateson e Hamish Nicklin, rispettivamente acting chief executive e chief revenue officer della testata, definendo la risposta al riscaldamento globale la “sfida più importante dei nostri tempi”.

I due manager non nascondono, inoltre, la preoccupazione che sucita questa scelta della compagnia, che ricava circa il 40% delle entrate dagli inserti pubblicitari: “Il modello di finanziamento di The Guardian – come per la maggior parte delle società di media di alta qualità – rimarrà precario nei prossimi anni”. Ma aggiungono: “Riteniamo che molti marchi saranno d’accordo con la nostra posizione, persuadendosi, di conseguenza, a scegliere di lavorare con noi. Il futuro della pubblicità sta nel costruire la fiducia con i consumatori e nel dimostrare un reale impegno nei confronti dei valori e degli obiettivi.”

Fra i consensi per la decisione presa dal giornale britannico anche quello dell’attivista Greta Thunberg, che si appella alle industrie commentando con un tweet : ” Un buon inizio, chi andrà oltre?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stampa, male gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre, -19,1%. Osservatorio Stampa Fcp: unica nota positiva i Classified, +5,3%

Stampa, male gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre, -19,1%. Osservatorio Stampa Fcp: unica nota positiva i Classified, +5,3%

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”