Giochi 2026, Spadafora: Legge olimpica varata in prossimo Cdm; limature per avere testo perfetto

“La Legge olimpica è stato il primo punto all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio dei Ministri, c’erano alcuni rilievi del Mef soprattutto di tipo tributario che in queste ore stiamo risolvendo. L’esame sarà concluso entro il prossimo Consiglio dei Ministri che ci sarà la settimana prossima, e verrà approvata definitivamente con l’intesa di tutti”. Lo ha detto il ministro delle Politiche giovanili e sport Vincenzo Spadafora, dopo la riunione al Pirellone fra i soggetti coinvolti nell’organizzazione di Milano-Cortina 2026.

Vincenzo Spadafora (Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

“Sulle cifre, sulle coperture e sulle garanzie non c’è nessun dubbio, ma solo limature”, ha poi specificato, precisando che le revisioni serviranno a rendere inappuntabile il testo. “Essendo un testo particolarmente importante volevamo che fosse perfetto sotto tutti i punti di vista: va fatta solo una chiusura tecnica”, ha aggiunto. Nel Consiglio dei ministri, in ogni caso, non c’è stata “nessuna obiezione”, ha precisato il ministro Spadafora.

Spadafora ha anche comunicato che durante l’incontro di oggi, tra Comune di Milano, Regione Lombardia, Veneto e comune di Cortina, Coni e Comitato paralimpico sono state formalizzate “tutte le procedure per la costituzione della fondazione” che gestirà i giochi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale