Soros contro Facebook. Al Nyt: aiuta Trump, non è neutrale; a Zuckerberg va tolto il controllo del social

Il finanziere e filantropo americano  George Soros interviene sul New York Times contro Facebook  considerata “un editore, non un semplice moderatore neutrale o una piattaforma”.

George Soros (Foto: Olycom)

«A cena la settimana scorsa a Davos, in Svizzera, mi hanno chiesto se pensavo se oggi Facebook si stesse comportando in modo più responsabile rispetto a quanto ha fatto durante le elezioni del 2016. La mia risposta è stata: “Per niente”». (…)
«Facebook è un editore, non un semplice moderatore neutrale o una “piattaforma”. L’approccio ragionevole impone che sia considerato responsabile dei contenuti che compaiono sul suo sito». (…)
«Parlando a un cocktail party a Davos il 22 gennaio, la Chief operating officer di Facebook Sheryl Sandberg ha ripetuto il solito cliché della Silicon Valley secondo cui Facebook sta cercando di fare del mondo un posto migliore. Ma Facebook va giudicato per quello che fa, non per quello che dice. Ripeto e riaffermo la mia accusa contro Facebook capitanato da Zuckerberg e Sandberg. Seguono entrambi un unico principio-guida: massimizzare i profitti indipendentemente dalle conseguenze. In un modo o nell’altro non devono essere lasciati al comando di Facebook». (Testo de Linkiesta)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale