Mediaset: giudice del tribunale di Milano si ‘riserva’ su ricorso di Vivendi

La giudice del tribunale di Milano, Elena Riva Crugnola, al termine dell’udienza di oggi, 1 febbraio, ha chiuso il confronto tra le parti e si è riservata di decidere sul contenzioso che oppone Mediaset e Vivendi sulla nascita di MediaforEurope (Mfe), la holding con sede (non fiscale) in Olanda, che, nelle intenzioni del gruppo della famiglia Berlusconi, è destinata a essere il nucleo attorno al quale costruire un polo tv generalista di respiro pan-europeo.

La giudice potrebbe pronunciarsi già all’inizio della prossima settimana se confermare o meno la sospensione delle delibere adottate nell’assemblea dello scorso 4 settembre di Mediaset con le quali si dette vita a Mfe, a valle della fusione con la controllata spagnola.

Nel collage (foto Ansa), da sinistra: Vincent Bollorè e Pier Silvio Berlusconi

Qualora il tribunale di Milano giudicasse congrue le modifiche allo statuto di Mfe adottate dall’assemblea del ‘Biscione’ del 10 gennaio scorso, Mediaset proseguirebbe nell’iter per la costituzione della holding olandese. Se invece la giudice decidesse nel ‘merito’ di sospendere il progetto, per adesso bloccato solo in via cautelare, Vivendi (secondo azionista di Mediaset con una partecipazione diretta e indiretta del 30% circa) porterebbe a casa un vantaggio da far pesare sia nelle trattative con Mediaset, sia negli altri contenziosi che ha attivato in Spagna e Olanda

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Massimo Bullo è il nuovo Chief Marketing Officer di Vodafone Italia

Massimo Bullo è il nuovo Chief Marketing Officer di Vodafone Italia

Cucinelli duro sui temi del Covid:  in azienda solo i dipendenti immunizzati

Cucinelli duro sui temi del Covid: in azienda solo i dipendenti immunizzati

Dati Audipress 2021/I: in costante aumento la platea dei lettori di digital edition.  Ogni giorno un quotidiano in mano al 22% degli italiani

Dati Audipress 2021/I: in costante aumento la platea dei lettori di digital edition. Ogni giorno un quotidiano in mano al 22% degli italiani