La Stampa, i giornalisti dicono ancora no ai tagli in redazione

L’assemblea dei giornalisti della Stampa ha respinto il piano dell’editore che prevede il taglio di 37 giornalisti sui 180 in organico, con 22 prepensionamenti, la cassa integrazione per l’intera redazione al 15%, la riduzione delle domeniche e degli straordinari. Ci sono anche incentivi all’esodo equivalenti alla retribuzione di 18 mesi e ad alcuni benefit.

Il no, compatto è arrivato dall’assemblea che si è riunita il 30 gennaio. Tra l’altro i giornalisti del quotidiano hanno subordinato qualsiasi ragionamento alla presentazione del piano editoriale e di quello industriale, sottolineando di attendere da tempo quello strategico annunciato dall’ad della Gedi Gnn Marco Moroni.

Inoltre, polemicamente i giornalisti hanno messo in evidenza come i sacrifici richiesti dall’editore quasi coincidano con la cifra della buona uscita (circa 1 milione e 850 mila euro) che dovrà essere elargita all’ad di Gedi Laura Cioli in uscita al momento in cui Exor subentrerà a Cir alla guida di Gedi.

La redazione della Stampa aveva respinto le richieste dell’azienda una prima volta , poco prima di Natale, poche settimane dopo l’accordo per la vendita del gruppo Gedi a Exor. Il lungo periodo tra una gestione e l’ altra, necessario per espletare tutte le pratiche per l’ antitrust, vedono una gestione incentrata tutta sui tagli di costi e sui ridimensionamenti degli organici senza comunicare ancora le linee strategiche, che John Elkann come editore aveva appena accennato in un saluto natalizio, accendendo alla Stampa le speranze per il rilancio della testata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

A ‘La Stampa’ il digital first è difficile da digerire. I giornalisti del quotidiano Gedi frenano davanti al progetto di Molinari

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica.  Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Milano-Cortina 2026, ok del Cdm alla legge olimpica. Tra le novità l’introduzione del ‘divieto di pubblicizzazione parassitaria’

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale

Editoria, Cdr La Stampa proclama due giorni di sciopero contro il piano digitale