Usa 2020: dopo il caos dem in Iowa, Bloomberg raddoppia la spesa pubblicitaria

Mike Bloomberg aumenta i suoi investimenti nella corsa alla nomination dem in vista delle prossime elezioni presidenziali. Dopo il caos che si è sollevato attorno ai risultati del caucus democratico dell’Iowa, il team che coordina la campagna dell’ex sindaco di New York , ha deciso di raddoppiare le spese pubblicitarie e accelerare sull’organizzazione, puntando su quegli stati dove potrebbe avere più opportunità.

Non solo SuperBowl dunque per il miliardario, che da quando è entrato in gara a fine novembre, ha già speso circa 254 milioni di dollari per la tv e la radio e almeno 47 milioni di dollari in pubblicità su Facebook e Google, secondo il tracker pubblicitario Kantar/Cmag.

Michael Bloomberg (Foto Ansa EPA/PETER FOLEY)

In confronto, i primi quattro candidati dei sondaggi in Iowa e nel New Hampshire hanno speso molto meno. Il senatore del Vermont, Bernie Sanders, l’ex sindaco di South Bend, Pete Buttigieg, l’ex vicepresidente, Joe Biden, e la senatrice del Massachusetts, Elizabeth Warren, hanno speso 53 milioni di dollari complessivi in TV e radio, e 41 milioni di dollari in annunci su Facebook e Google, per un periodo di tempo molto più lungo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola oggi a Milano. Disponibile per tutti subito in edizione digitale

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola oggi a Milano. Disponibile per tutti subito in edizione digitale

La Stampa, accordo per ridurre i costi: 1 anno solidarietà al 15%, forfetizzazione straordinari, stabilizzazione contratti, taglio collaborazioni

La Stampa, accordo per ridurre i costi: 1 anno solidarietà al 15%, forfetizzazione straordinari, stabilizzazione contratti, taglio collaborazioni

Anzaldi scrive a ‘Prima’: propone la riforma Rai e attacca Cairo per i giudizi su Renzi

Anzaldi scrive a ‘Prima’: propone la riforma Rai e attacca Cairo per i giudizi su Renzi