Venerdì 8 e Sabato 9 Sanremo spazza via le alternative. E ringiovanisce Rai1

Gli esiti delle serate di martedì, mercoledì e giovedi, con il boom di share incassato dalle prime tre serate della settantesima edizione del ‘Festival di Sanremo’, sono stati ampiamente confermati nelle sfide topiche delle due serate successive. Con due ulteriori, importantissime conferme: ‘Sanremo’ è stato seguito da un pubblico mediamente molto più giovane di quello di Rai1 ed ha avuto consensi sopra media sulla fasce di pubblico meno anziano; il Festival, inoltre, ha avuto un seguito ben distribuito in tutte le regioni e classi sociodemografiche, mostrando un altissimo indice di ‘coesione sociale’.

Nel prime time di venerdì 8 febbraio 2020 su Rai1 la settantesima edizione del ‘Festival di Sanremo’, con Amadeus alla conduzione, Rosario Fiorello in sintonia e sincronia, tanti ospiti stabili e d’occasione (Dua Lipa, Ghali, Gianna Nannini, Coez e Tony Renis, Tiziano Ferro), Francesca Sofia Novello e Antonella Clerici in supporto al conduttore, ha conquistato 9,5 milioni di spettatori pari al 53,3% di share. In particolare la prima parte ha ottenuto 12,674 milioni di spettatori ed il 52,3%, la seconda parte 5,795 milioni di spettatori ed il 56%. Amadeus ha fatto quindi di nuovo – considerato il confronto con le serate omogenee delle altre edizioni – il miglior risultato per share degli ultimi venti anni, mentre in termini di ascolti nello stesso arco temporale la serata di ieri, lunghissima, con una penetrazione del mezzo più bassa, si è collocata al sedicesimo posto.

Le altre reti generaliste? Questo l’ordine di arrivo, con quasi tutti ai minimi: su Canale 5 ‘Festival delle Papere’ ha raccolto 1,1 milioni di spettatori pari al 4,5% di share; su Rete4 ‘Quarto Grado – Le Storie’ ha totalizzato 1,055 milioni di spettatori con il 4,9% di share; su Italia 1 ‘Madre!’ ha coinvolto 776mila spettatori (3,1%); su Rai2 ‘NCIS Los Angeles’ ha conseguito 671mila spettatori pari al 3,1% di share; su La7 ‘Propaganda Live’ ha portato a casa 613mila spettatori con uno share del 2,8%; su Rai3 ‘Si muore tutti democristiani’ ha avuto 524mila spettatori (1,9%).

Al sabato, il 9 febbraio 2020, con la finale della kermesse musicale l’ammiraglia pubblica ha fatto un altro risultato a sensazione: la quinta del ‘Festival di Sanremo’ numero 70, al sabato sera, con Amadeus alla conduzione, Rosario Fiorello sempre in forma, Francesca Sofia Novello, Diletta Leotta e Sabrina Salerno in aiuto al conduttore, e con Mara Venier, Biagio Antonacci, Tiziano Ferro, Ivan Cottini, Vittorio Grigolo, Cristiana Capotondi, Massimo Ghini, Paolo Rossi, Angella Finocchiaro, Christian de Sica tra le guest star, ha conquistato 11,476 milioni di spettatori pari al 60,6% di share. In particolare la prima parte ha ottenuto 13,638 milioni di spettatori ed il 56,8%, la seconda parte 8,969 milioni di spettatori ed il 68,8% (fino alle due di notte). Amadeus stavolta non ha fatto (come era successo nelle precedenti serate) il miglior risultato per share degli ultimi venti anni: meglio di lui, infatti, hanno fatto la finale del Festival di Pippo Baudo del 2002 (13,397 milioni e 62,66%) e quella di Fabio Fazio del 2000 (15,223 milioni e 65,47%).

Le altre reti generaliste? Questo l’ordine di arrivo, dal secondo posto in graduatoria in giù, quasi tutti ‘nanizzati’: su Canale 5 ‘Un’Estate ai Caraibi’ ha raccolto 1,5 milioni di spettatori ed il 6,2% di share; su Rai2 ‘NCIS’ ha avuto 961mila spettatori (3,7%); su Rai3 ‘Braveheart – Cuore Impavido’ ha raccolto 620.000 spettatori pari ad uno share del 2.5%; su Rete4 ‘Scent of Woman – Profumo di donna’ a 385mila spettatori con l’1.7% di share; su La7 ‘Dove osano le Aquile’ 349mila spettatori con uno share dell’1.5%; su Italia 1 ‘Ruby Red II – Il segreto di zaffiro’ ha intrattenuto 345.000 spettatori (1.5%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%