Mediaset-Vivendi: il 24 febbraio la decisione del giudice olandese su Mfe

Giornata di udienza al Tribunale di Amsterdam sul ricorso di Vivendi contro la nascita di Mediaset for Europe. Il magistrato si è riservato di decidere il 24 febbraio.

Il magistrato ha ascoltato le parti e si è preso due settimane per deliberare sulla richiesta di Vivendi di bloccare la fusione fra Mediaset e Mediaset Espana. Nella documentazione da studiare c’è anche il piano aggiornato con il nuovo statuto di Mfe, approvato dalle recenti assemblee delle due società televisive.

L’aggiornamento è già stato presentato alle autorità olandesi dopo l’ultima assemblea del 5 febbraio di Mediaset Espana che ha modificato lo statuto della holding per dar più spazio alle minoranze. Su tale base potrebbe scattare il ricalcolo del termine per la nascita di Mfe, che aveva come scadenza il 19 marzo ossia sei mesi dopo la prima presentazione in Olanda del piano. Per capire i termini dello slittamento conta la decisione del giudice di Amsterdam il 24 febbraio.

Il 18 febbraio, sarà il collegio spagnolo a esprimersi sull’azione giudiziaria di Vivendi contro la delibera assembleare sulla fusione. Visto che il 5 febbraio l’assise di Mediaset Espana ha modificato lo statuto di Mfe, così come aveva fatto Mediaset il 10 gennaio, il gruppo di Cologno Monzese spera di ottenere da Madrid un provvedimento favorevole, in linea con quanto deciso a Milano dal giudice Elena Riva Crugnola.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stampa, male gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre, -19,1%. Osservatorio Stampa Fcp: unica nota positiva i Classified, +5,3%

Stampa, male gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre, -19,1%. Osservatorio Stampa Fcp: unica nota positiva i Classified, +5,3%

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”